MotoGP, Jack Miller a Losail

MotoGP, Ducati: nuova salad box, alette, luci e laser per la GP21

Ducati ha esordito nel test MotoGP a Losail con una nuova carena e una salad box ridisegnata. Jack Miller al lavoro con luci e laser per la raccolta dei dati.

8 marzo 2021 - 21:41

L’avventura di Jack Miller con il team Ducati factory inizia con il passo giusto. Secondo crono al termine della domenica di test MotoGP a Losail, a soli 77 millesimi dal miglior crono di Fabio Quartararo. Ancora una volta la casa di Borgo Panigale fa scuola in termini di aerodinamica, portando una carena che monta un terzo set di alette difronte alla ruota anteriore per veicolare i flussi d’aria. Ancora una volta abbiamo visto la Rossa lavorare nei test con delle luci laser proiettate sull’asfalto. L’obiettivo è monitorare come la parte posteriore della Desmosedici GP21 si relaziona alla superficie apportando delle modifiche.

Il laser (rosso) e la luce registrano la distanza dalla superficie della pista e raccogliere dati che vanno oltre la comune comprensione. Inoltre la Ducati ha una nuova “salad box”, leggermente più piccola e ha una forma più affusolata. Probabilmente è il motivo per cui il prototipo ha un laser puntato al suolo. Molto probabilmente il laser rileva quindi l’angolo di inclinazione e la distanza dal suolo. Dati che vengono utilizzati per verificare lo slittamento e cosa sta succedendo al posteriore della GP21. Inoltre sulla forcella anteriore c’è un piccolo morsetto color argento che non c’era già apparso sull’Aprilia nelle ultime due stagioni MotoGP.

Il commento di Miller

Jack Miller non vuole rivelare su quali aree specifiche ha lavorato in questa prima sessione di test in Qatar. “L’ho usata quasi tutta la giornata [la nuova carena], facendo un confronto diretto con la vecchi. È stato abbastanza positivo, dobbiamo rivederla un po’ e vedere se riescono a svilupparla un po’ di più o se è quello che avremo per tutto l’anno. Ma sono contento di come procede il lavoro, non perdiamo velocità quindi è positivo“. Ricordiamo che il regolamento MotoGP 2021 prevede una sola modifica aerodinamica, e non due come solitamente avveniva prima dell’emergenza Covid-19. Nel 2020 le Ducati hanno sofferto molto con la nuova carcassa posteriore Micheli. L’australiano sembra ottimista: “In linea di principio avevamo già sotto controllo la situazione delle gomme alla fine dello scorso anno. Ma non si sa mai finché non si arriva su alcuni circuiti“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

Makiland
11:32, 9 marzo 2021

… ma che ci mettono nella salad box ? Panini ?

    voiedegarag_15199617
    16:33, 16 marzo 2021

    Un ammortizzatore di massa o “inerter”, come dicono in Bassa Padana o ancora “mass dumper” come dicono in Val Brembana.
    Se en dubitava già, poi uno o due anni fa si è visto abbastanza bene su una Ducati un po’ smontata per una caduta.

    Su Wikipedia c’è l’articolo e in effetti è un’idea geniale ma per veramente comprenderne l’utilità su di una moto bisogna prima comprendere la dinamica del (come dicono a Fiesole) “chattering”, che non è super-intuitiva…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, circuito di Misano

MotoGP, meccanico espulso dal paddock: test PCR falsificato

daniel holgado moto3

Moto3: Daniel Holgado a Misano e Portimao al posto di Öncü

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: il commiato di mamma Stefania e papà Graziano