Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner confessa: “Ero stufo degli obblighi mediatici”

Casey Stoner è intervenuto in videoconferenza nel round MotoGP di Misano-2. Ha parlato dei cambiamenti epocali nel Mondiale, dei motivi del suo addio e di Valentino Rossi.

1 novembre 2021 - 13:40

Casey Stoner è intervenuto a distanza nel week-end di MotoGP a Misano. In una video-conferenza stampa organizzata da Nolan il campione australiano ha parlato a 360 gradi, da Valentino Rossi (“bravo a sfruttare i media”) ai motivi che lo hanno spinto ad appendere il casco al chiodo con largo anticipo. La sua predilezione per i motori a due tempi, in un’epoca in cui il talento del pilota faceva davvero la differenza.

I cambiamenti epocali

Nell’era contemporanea l’elettronica e l’aerodinamica hanno sottratto un po’ di romanticismo a questo sport. “C’è così tanta elettronica oggi che ha tolto molto al controllo come pilota. E poi c’è l’aerodinamica e la crescente complessità di queste moto. Le moto devono essere pericolose e difficili da guidare“.

Per offrire uno spettacolo più avvincente Dorna ha posto norme che hanno assottigliato il gap tra le moto. Le moto a quattro tempi della Moto3 sono più facili da controllare. Anche i migliori piloti non possono staccarsi nelle gare e restano tutti ravvicinati. Un argomento molto dibattuto, anche nel paddock della MotoGP, in queste settimane dove la sicurezza era l’argomento cardine. In tanti chiedono di aumentare nuovamente gli spazi ristretti e dare al pilota un maggiore controllo sulla moto. “I tempi si sono ristretti, abbiamo cercato di spendere sempre meno nei test, aumentando enormemente gli altri costi“.

Il ritiro dalla classe regina

Nel lungo intervento Casey Stoner è ritornato anche sui motivi che lo hanno spinto a lasciare la MotoGP. “Sapete tutti quanto non mi piacessero gli obblighi mediatici. Con il tempo mi sono reso conto che il mio impegno principale era quello e forse solo il 5 o il 10 per cento lo spendevo guidando le moto in pista. Non mi divertivo più“. Ricorda quanto fosse bravo Valentino Rossi nel rapporto con la stampa. “E’ sempre stato un pilota che sapeva fare cose che agli altri non riuscivano. Anche nel rapporto con i tifosi, o sfruttando la stampa a suo favore“. Il Dottore da Misano gli manda un messaggio di distensione dopo anni frenetici. “Sono contento di aver lottato con lui, è stato uno dei piloti più veloci e selvaggi”.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

Anonimus
20:00, 1 novembre 2021

“in un’epoca in cui il talento del pilota faceva davvero la differenza”
Già solo questa frase ridimensiona di parecchio i cosiddetti “campioni” di oggi…..

    erwan
    11:43, 4 novembre 2021

    una sciocchezza un po’ presuntuosa, perché mi ricordo che Marquez è salito sulla stessa moto di Stoner, riuscendo a dare molta più paga a Pedrosa.
    e se il talento non contasse più sarebbe stato imposssibile per Marquez vincere tanto, persino adesso che è tornato con le ossa rotte;
    e Quartararo non sarebbe stato così costantemente superiore ai piloti che guidano la sua stessa moto.
    ecc. ecc.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ranch di Valentino Rossi

Valentino Rossi, ritorna lo striscione a Tavullia: Vittorio Sgarbi sta con lui

zannoni motoe sic58

MotoE: SIC58 punta su Kevin Zannoni per la stagione 2022

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Marc Marquez 100% riposo. Puig: “Problema inaspettato”