MotoGP: Brad Binder con Red Bull KTM Tech 3 nel 2020

Brad Binder sarà un pilota Red Bull KTM Tech 3 in MotoGP nel 2020. Cambio di categoria per il sudafricano, che ritrova Oliveira come compagno di box.

10 luglio 2019 - 14:39

Ufficializzato il salto di categoria l’anno prossimo per Brad Binder. Il pilota sudafricano, attivo in Moto2 con Red Bull KTM Ajo, nel 2020 esordirà in MotoGP con Tech 3. Ritroverà nel box Miguel Oliveira, già suo compagno di squadra nelle categorie minori sempre in KTM, e prenderà il posto di Hafizh Syahrin, che dovrebbe tornare a competere in Moto2. Binder sarà il primo pilota sudafricano ad approdare nella categoria regina del Motomondiale nell’era dei quattro tempi.

“Per me è un’occasione incredibile” ha dichiarato Brad Binder. “Voglio dire un enorme ‘grazie mille’ a KTM, Red Bull KTM Tech 3, al mio manager ed alla mia famiglia avermi aiutato a raggiungere la categoria regina. In questo momento il feeling è pazzesco, si tratta di un sogno che si realizza. Quando cresci, questo è ciò a cui aspiri: arrivare in MotoGP e affrontare i piloti più veloci del mondo con le moto migliori. Per me è una sensazione davvero fantastica.”

“Binder è con noi da cinque anni, oltre ad essere uno dei nostri campioni” ha aggiunto il CEO KTM Pit Beirer. “Siamo contenti di continuare questa storia. Chiaramente avremo una grande sfida davanti ed è responsabilità nostra permettergli di essere competitivo come sempre. Brad ha uno stile di guida particolare, può dare un impulso importante al nostro progetto MotoGP, così come ha sempre fatto in precedenza. Si ‘adatta’ a noi e non vediamo l’ora di vederlo in sella ad una moto della categoria regina.”

Soddisfazione anche da parte di Hervé Poncharal, Team Manager di Red Bull KTM Tech3. “Siamo solo a metà della nostra prima stagione in MotoGP con KTM, ma siamo già contenti di accogliere con noi Brad Binder per il 2020. Si tratta di un pilota che ho seguito fin dalla Red Bull Rookies Cup, e poi in Moto3. Mi colpisce la sua voglia di non mollare mai, il suo talento e la sua aggressività: è il tipo di pilota che ti auguri di poter avere in squadra. Riunire poi la line-up Oliveira-Binder dimostra che il progetto funziona.”

“Penso che Brad si meriti davvero una MotoGP dopo quanto fatto nelle ultime due stagioni” ha continuato. “Avremo un team competitivo, Miguel e Brad si conoscono e hanno un buon rapporto, oltre ad essere due piloti incredibili. Assieme a Red Bull, KTM e Tech 3 non ci sono mai stati dubbi sul fatto che fosse la line-up ideale e ringrazio tutti quelli che lo hanno permesso. Do il mio più caloroso benvenuto a Brad, che seguiremo con ancora maggior interesse nella seconda parte di stagione in Moto2, prima di iniziare a lavorare assieme a Valencia.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ESCLUSIVA Matteo Ferrari tra MotoE, CEV Moto2 ed un pensiero al Mondiale

MotoGP, Bradley Smith: “L’Aprilia 2020 arriverà entro settembre”

Moto3: Deniz Öncü e Maximilian Kofler wild card in Austria