MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso al Mugello: svela le prossime mosse con Aprilia

Andrea Dovizioso nei box Aprilia nella prima giornata di libere MotoGP al Mugello. Il forlivese sosterrà 4 test con la RS-GP, nessuna certezza per il 2022.

28 maggio 2021 - 21:32

Andrea Dovizioso ospite d’eccezione ai box Aprilia nella prima giornata di prove libere MotoGP al Mugello. Il neo collaudatore di Noale ha voluto guardare da vicino il lavoro svolto dal team veneto, guardare la RS-GP in azione da bordo pista, osservare come si muovo i tecnici. Sarà un assaggio prima del suo ritorno nella stagione 2022? Difficile a dirsi, perché al momento non c’è nulla di ufficiale e Aprilia non può correre il rischio di ritrovarsi senza un secondo pilota di peso per il prossimo anno. Servono idee chiare e massima onestà.

Nelle ultime tre edizioni in cui Dovi ha gareggiato al GP d’Italia ha ottenuto una vittoria e due podi. Questa pista era uno dei suoi punti forti, inevitabile provare grandi emozioni all’ingresso nel paddock MotoGP. Ma stavolta ritorna da “testimonial”. “Mugello è sempre Mugello, temperatura stupenda, impressionante quanto si va forte in curva ma in moto è una sensazione diversa. Arrivo qui senza stress, quindi il viaggio me lo sono goduto di più. Ma bello stare in pit-lane, il lavoro dei team, guardare i dati, come lavorano“.

I prossimi impegni del Dovi

In serata Andrea Dovizioso ha lasciato l’autodromo del toscano, da domani sarà impegnato nel motocross. “Ho deciso di dedicarmi alla mia passione per il motocross, avevo bisogno di staccare. Mi sono dedicato a questo sport complicato, anche se i dottori non te lo consigliano a 35 anni – scherza l’ex ducatista -. Però la passione comanda, ho preso oltre due o tre botte. I professionisti vanno cinque o sei volte a settimana, quindi c’è un motivo… Se voglio imparare bisogna farlo. Io vado 3-4 volte a settimana, devi spostarti, passi molte ore in furgone ed è impegnativo. Domani non sarò qua, grigliata  e gara regionale con gli amici. Ci divertiamo così…“.

Inutile domandargli dei suoi progetti futuri, ma l’impressione è che ad Andrea Dovizioso piaccia la sua nuova mansione di collaudatore. E non tornerà “full time” in MotoGP se non avrà la sensazione di potersela davvero giocare per il podio. Intanto svela i programmi a breve termine con Aprilia. “A breve faremo quattro test, tre a Misano ed uno ad Aragon, questo è il programma che abbiamo appena deciso. Mi fa molto piacere questo supporto e questa apertura di Aprilia, mi danno la possibilità di stare sulla moto. Cerco di dare più indicazioni possibili per aiutarli. Cosa succederà non lo neppure io, sto vivendo giorno dopo giorno, mi fa bene quello che sto facendo. Poi si vedrà“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

makiland
11:56, 29 maggio 2021

Quest’ aria rassegnata … vedi foto … non mi piace per niente, credevo che AD si “caricasse” con l’ Aprilia e tirasse fuori quel che rimane di un pilota SUPERBO … Temo di sbagliare … E’ stanco dell’ esasperazione in cui si vive il Campionato Moto GP e anche se dovesse avere una moto vincente, forse preferirebbe sporcarsi di fango, un po’ lo capisco, un po’ no …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

moto2 morbidelli sachsenring

Moto2, Italia vincente al Sachsenring solo con Morbidelli. Ed in 250cc…

La Honda RC213V nel test in Catalunya

MotoGP, Alberto Puig: la Honda “total black” resta top secret

MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Il Sachsenring è una pista diversa”