MotoGP, Andrea Dovizioso a Le Mans

MotoGP, Andrea Dovizioso affonda… sull’asciutto: Le Mans ultima spiaggia

Andrea Dovizioso a Le Mans per continuare a inseguire il Mondiale. Veloce sul bagnato, in difficoltà sull'asciutto: "I migliori con poco grip e tanta acqua"

10 ottobre 2020 - 7:57

Andrea Dovizioso comincia il week-end di Le Mans in salita, ma per ambire al titolo MotoGP bisogna affrettarsi. 5° sul bagnato al mattino, 19° nella combinata del venerdì. Per tenere vive le speranze iridate servirà un buon crono nelle FP3 per entrare direttamente nel Q2 e partire davanti. Non ci sono altre strade per puntare al podio, tutto passa per la posizione in griglia di partenza.

Il vicecampione MotoGP ha riportato una caduta a nove minuti dal termine delle FP2. Ha messo a referto appena 7 giri, il tempo di ritornare in pista per il time attack è venuto meno. Meglio conservare la gomma nuova per il sabato, ma è una strategia sul filo del rasoio. “Sono caduto perché ero più lento a causa della bandiera gialla, penso di aver raffreddato la gomma. È stato difficile guidare, la temperatura e il grip erano molto bassi“.

Gomme e temperature al vaglio del Dovi

Ancora una volta non ci sono alibi, il best lap è del collega di marca Jack Miller. Tutto gira intorno allo stile di guida, difficile riadattarsi avendo perso i riferimenti degli anni precedenti con il nuovo posteriore Michelin. La caratteristica del pneumatico 2020 richiede un modo di guidare completamente diverso da quello cui era abituato. E per adattarsi non c’è tempo. Occhi puntati al cielo, non certo in attesa di un miracolo.

Il meteo condizionerà fortemente il GP di Le Mans, con l’alternarsi di sole e pioggia, con le temperature troppo basse per garantire margini di sicurezza standard. Se la colonnina di mercurio segnerà 9°C come da previsione, diventerà difficile portare a temperatura il lato sinistro della gomma. Le cadute saranno all’ordine del giorno in questo week-end di MotoGP. “La nostra base è buona, sono sicuro che la moto si comporterà bene“, ha aggiunto Andrea Dovizioso. “L’unica cosa veramente positiva, secondo me, è che stamattina quando c’era molta acqua eravamo tutti veloci sulla Ducati. Già nella seconda uscita la situazione è cambiata, ma credo che abbiamo confermato di essere i migliori con poco grip e tanta acqua in pista“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

quartararo motogp

MotoGP Teruel, Quartararo per la rivincita: “Sappiamo dove migliorare”

MotoGP, Danilo Petrucci

MotoGP, Danilo Petrucci sbarca su Cameo: video di auguri da 46 euro

arenas moto3

Moto3: Arenas vs Ogura vs Vietti, il punto sulla top 3 mondiale