MotoGP, Alex Rins

MotoGP, Alex Rins ‘Sunday Boy’: obiettivo qualifiche nel 2020

Alex Rins vuole scrollarsi di dosso l'appellativo di 'Sunday Boy'. Nel 2020 il pilota Suzuki per migliorarsi dovrà ripartire dalle qualifiche.

29 dicembre 2019 - 11:06

Alex Rins ha impiegato diversi mesi per tenere fede alla promessa. Dopo la sua prima vittoria in MotoGP ad Austin, lo spagnolo ha tagliato i suoi ricci (ma solo per scherzo) e si mostra sui social con un nuovo look. Del resto bisogna giocare sui dettagli nella corsa contro il tempo. Il 24enne catalano ha ancora una lunga carriera davanti a sè, ma già dal 2020 è chiamato ad alzare l’asticella dopo i due successi stagionali. Dopo aver battuto in un corpo a corpo sia Valentino Rossi che Marc Marquez, il tempo dei sogni è finito.

In casa Suzuki spingono per disegnare nuovi orizzonti trionfali, combattere costantemente per il podio. Se da un lato Alex Rins ha superato le aspettative, dall’altro resta un punto debole da migliorare subito: le qualifiche. Non si nascondono dietro le vittorie nel box di Hamamatsu: “Mi piace l’atteggiamento di Alex, perché è sempre pronto a combattere – ha sottolineato il project manager Shinichi Sahara -. È sempre in buona forma la domenica, anche se la sua prestazione in qualifica non è delle migliori. Ecco perché lo abbiamo chiamato il ‘Sunday Boy’. Ma dovrà migliorare in qualifica il prossimo anno“.

Se riuscirà a migliorare la posizione in griglia di partenza, di conseguenza potrà ottenere risultati migliori. Molto dipenderà anche dalla GSX-RR 2020 che nei test di Valencia e Jerez ha mostrato un bel passo avanti. “Dobbiamo progredire e supportarlo in modo che migliori – ha aggiunto il manager giapponese -. Questo è esattamente ciò che vogliamo ottenere con lui“. Parole che lasciano intendere che, almeno sul rinnovo di contratto, non dovrebbero esserci sorprese.

RINS ALZA L’ASTICELLA

Alex finora non si è concesso una vera e propria vacanza. Un salto sulle nevi di Andorra, poi allenamenti in moto da cross dopo la due giorni per la 100 KM a Tavullia. C’è voglia di ripetersi e migliorarsi in MotoGP. “La prima vittoria sarà sempre qualcosa di speciale, ma ovviamente anche quella di Silverstone è stata magica! Ho avuto una bella sfida con Marc Marquez e la nostra foto sul traguardo è una delle mie preferite“. Momenti indimenticabili nella mente di Rins, che però guarda anche agli errori per ripartire con il piede giusto. “Ogni stagione ha anche il suo punto negativo. Per me sono state le cadute nei Paesi Bassi e in Germania, è stato difficile da digerire. Ma insieme alla mia squadra non abbiamo abbassato la testa“.

La nuova moto sarà svelata il 6 febbraio a Sepang, il giorno seguente si ritornerà in pista per i test MotoGP. “Ho già provato il motore per il prossimo anno e ho visto subito i miglioramenti. Ecco perché non vedo l’ora di tornare in moto nel test in Malesia. Per la prossima stagione spero in più vittorie e posti sul podio. Vedremo cosa possiamo fare“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, nuova gomma Michelin: cosa dicono i capi meccanici

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: inizia la corsa contro il tempo

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Marc Márquez: “Abbiamo sbagliato la preseason”