MotoGP, Alex Márquez: “Bel passo avanti. E senza l’airbag esploso…”

Alex Márquez, miglior GP 2020 a Misano-2, nonostante un inconveniente. "Ora la conferma al Montmeló." E precisa: "Non mi adatto presto, ma col duro lavoro tutto è possibile."

21 settembre 2020 - 7:20

Miglior risultato stagionale ottenuto nel fine settimana a Misano-2. Alex Márquez ha dimostrato un bel passo avanti in questa occasione nel suo processo di adattamento alla categoria ed alla Honda RC213V. Alcune cadute l’hanno aiutato nel piazzamento finale, ma il campione Moto2 in carica e rookie MotoGP ha mostrato interessanti progressi in termini di ritmo, visti anche nel distacco dal vincitore: 22 secondi sette giorni fa, la metà in questa circostanza. Considerando il 17° posto in griglia non era una rimonta facile, e sarebbe stata ancora migliore se non avesse avuto un problema di airbag negli ultimi giri…

“Potevo chiudere come miglior Honda” ha sottolineato Márquez jr, autore di un’ottima partenza (sei posizioni guadagnate solo al via) e che a lungo si è mantenuto davanti al compagno di marca Nakagami. Fino appunto a sei giri dalla fine. “Uno scossone della moto mi ha fatto esplodere l’airbag, quasi non respiravo! Ho perso tanto tempo” ha ammesso. Non manca comunque di riconoscere i meriti del collega giapponese. “In questo momento è di un altro livello: non dipende dalla moto, ma dallo stile di guida. Peccato però, stavolta avrei potuto lottare per rimanergli davanti senza quel problema.”

In ogni caso si tratta di un ottimo settimo posto finale, anche se con riserva. “Ad essere onesto non è la posizione reale, visto che ci sono state tante cadute. Ma avevamo comunque il ritmo per chiudere in top ten.” La fiducia aumenta, soprattutto per il miglior feeling con la RCV. “Sappiamo dove lavorare, ma abbiamo fatto un passo avanti notevole. Ora dobbiamo confermarci al Montmeló, e soprattutto devo fare meglio in qualifica: partire 17° non è la cosa migliore…” Non manca anche un appunto sul suo adattamento alla MotoGP. “Non sono un pilota che si adatta rapidamente, come fanno altri. Ma credo nel duro lavoro ed in questo modo tutto è possibile.”

Dopo la gara poi c’è stata anche una videochiamata col fratello maggiore Marc, impegnato nella riabilitazione dopo l’importante infortunio al braccio. “Sapevo che era a casa, così ci siamo sentiti” ha raccontato Alex Márquez a DAZN. “Era davvero contento!” anche se ha ammesso che “Mi ha preso in giro per l’airbag… Ma comunque era soddisfatto.” Come possiamo vedere anche qui in basso.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Aleix Espargaro a Teruel

MotoGP, Aleix Espargarò: “Mi dispiace superare così Dovizioso”

fernandez moto2

Moto2: Augusto Fernández operato per sindrome compartimentale

MotoGP, Fabio Quartararo e Franco Morbidelli

MotoGP, Franco Morbidelli manda in tilt i colleghi Yamaha