barros oliveira motogp

MotoGP: Alex Barros, i complimenti speciali a Miguel Oliveira

Tanti complimenti per Miguel Oliveira dopo il trionfo MotoGP. Non mancano quelli del pilota brasiliano Alex Barros, che ricorda un piccolo tifoso...

26 agosto 2020 - 7:43

Lo scorso fine settimana è stata scritta la storia in MotoGP. Miguel Oliveira è salito sul gradino più alto del podio, primo portoghese a trionfare nella classe regina del Motomondiale. Tra i tanti complimenti arrivati al giovane alfiere Tech3 ce ne sono di speciali: il brasiliano Alex Barros infatti l’ha voluto omaggiare con una ‘foto d’epoca’. Riconoscete il piccolo tifoso nell’immagine vero?

Era il 17 aprile 2005 e Barros aveva appena trionfato nel Gran Premio del Portogallo a Estoril, in sella alla RC211V del team Camel Honda. Serve un’attesa di più di 15 anni per riavere un pilota di lingua portoghese capace di vincere una competizione di livello mondiale. A riuscirci il 23 agosto 2020 è proprio quel piccolo tifoso, ormai da tempo protagonista nel Campionato del Mondo.

“Ricordo bene quel weekend” scrive Barros di corredo alla foto. “È stato un fine settimana fantastico per me, come questo lo è stato per te.” Accenna anche alle prime parole scambiate assieme all’epoca. “Ho conosciuto quella volte te e tuo padre, abbiamo parlato molto e mi è piaciuto molto vedere un pilota portoghese vincere una gara quel sabato, ad appena 11 anni. Anche io ho sangue portoghese, viste le origini di mio padre, Antonio Barros.”

“Da allora hai conquistato il tuo spazio con fatica, sacrifici e tanta dedizione. In Brasile siamo molto felici e orgogliosi di vedere un pilota che consideriamo nostro fratello vincere per la prima volta e ascoltare l’inno portoghese per la prima volta nella categoria regina! Complimenti Miguel, te lo meriti e goditi il momento, augurandoti di conquistare molte altre vittorie!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, la storia: Kreidler e la 50cc, una categoria dimenticata (parte 1)

Valentino Rossi con la Ferrari GT3

Valentino Rossi e Franco Morbidelli: destini incrociati anche sulle 4 ruote

MotoGP, Andrea Dovizioso e Marc Marquez

MotoGP, Andrea Dovizioso: il filo della speranza si chiama Repsol Honda