aleix espargaro motogp

MotoGP: Aleix Espargaró e Aprilia, il sogno del podio ora è realtà

Festa grande in casa Aprilia, con Aleix Espargaró ecco il primo podio MotoGP. Con dedica anche a Gresini, non sono mancati i complimenti di Viñales.

29 agosto 2021 - 19:41

L’aveva detto all’inizio del campionato: “Quest’anno saliamo sul podio, non aspetteremo ancora.” A Silverstone Aleix Espargaró ed Aprilia scrivono un bel pezzo di storia della MotoGP. L’hanno cercato a lungo, ecco finalmente l’esplosione di gioia per pilota, squadra e costruttore: il primo risultato di rilievo per un progetto che continua a crescere e che oggi ha occupato il terzo gradino del podio. Lo spagnolo se l’è dovuto sudare fino alla fine, visto che Miller ha tentato di strapparglielo, senza successo. Ne sono seguiti i giusti applausi, i complimenti dalle altre squadre, l’abbraccio del pilota con la moglie ed i figli.

“È un sogno!” è il primo commento di un emozionatissimo Aleix Espargaró. “Ci abbiamo messo davvero tanto, è stato difficilissimo.” Cadute, risultati da dimenticare, problemi tecnici a segnare il cammino di questo progetto. “Ma non ho mai pensato né a concludere la mia carriera né ad andarmene da un’altra parte. Ci ho sempre creduto e ho lavorato costantemente come non mai. Questo podio va alla squadra, a tutti i ragazzi a Noale.” Ma non solo: un pensiero va anche a Gresini. “Sarebbe stato bello vedere la faccia di Fausto… Ha iniziato lui questo progetto, il podio è anche per lui e per la sua famiglia.”

Ma tra le tante dediche non manca quella per la famiglia. “Riesco a lavorare così duramente grazie a Laura [sua moglie, ndr]. Sono stati anni duri, lei è il mio sostegno.” È un risultato cercato con tutte le forze e finalmente arrivato. “Per la prima volta mi sono visto davvero in lotta per il podio e non volevo commettere errori” ha rimarcato. “Ad un certo punto però mi sembrava tutto così irreale! Fabio era imprendibile, ho cercato di rimanere con Rins. L’ultimo giro però è stato difficile con Jack che attaccava, ma ho subito pensato ‘No, questo podio è mio!’ e ho risposto.”

Non sono mancati i complimenti da parte di Maverick Viñales, suo prossimo compagno di squadra, che chiaramente non ha perso un attimo della corsa. E adesso? Sulla scia del grande entusiasmo l’alfiere Aprilia punta ancora più in alto. “Non voglio più scendere dal podio per il resto della stagione” ha affermato. “Dobbiamo solo continuare a crescere, approfittare di questo momento. Oltre a lavorare anche per la moto dell’anno prossimo. Vittoria? Perché no, ci proveremo!” ha aggiunto col sorriso. “Ma certamente ad Aragón arriverò un po’ più rilassato, senza la pressione della ricerca del primo podio.”

Foto: Aprilia Racing

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

mir motogp misano test

MotoGP, Suzuki sul motore 2022: “Non una rivoluzione, uno sviluppo”

marc marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez, primo contatto con la nuova Honda RC-V

MotoGP, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

Test MotoGP, Valentino Rossi cambia programma. ‘Dovi’ più aggressivo