MotoGP, Valentino Rossi GP Austria 2021

LIVE MotoGP Austria: Binder folle vittoria, Bagnaia 2° recupero incredibile

LIVE Gran Premio d'Austria MotoGP. Segui in diretta la gara con tempi, classifica e aggiornamenti in tempo reale dal Red Bull Ring.

15 agosto 2021 - 13:32

BINDER BIS

Binder aveva vinto la sua prima gara MotoGP anno scorso, per la KTM si tratta del secondo trionfo 2021 e il quinto della storia.

BAGNAIA SUPER RIMONTA

Le pazze condizioni meteo confezionano una gara pazza: Binder è riuscito a guidare tre giri con le gomme slick sulla pista sempre più bagnata. Il sudafricano della KTM non è rientrato ai box, dando scacco matto ai leader della corsa che invece hanno cambiato moto. Incredibile il recupero di Bagnaia che un giro ha recuperato otto posizioni. Adesso il pilota Ducati è a -47 punti da Fabio Quartaro. E’ un margine ancora abbondante, ma la Ducati non è ancora fuori gioco.

ARRIVO, VINCE BINDER!

Ultimo giro incredibile: vince Binder nel diluvio con le slick, poi Bagnaia che incredibilmente acciuffa il secondo posto davanti a Jorge Martin. Con le rain Quartararo finisce settimo davanti a Valentino Rossi. Pazzesco!

-1 giro: Binder sta correndo con le gomme slick mentre ormai piove abbastanza forte. Dietro Espargaro e Lecuona. Quarto Martini davanti a Rossi. Bagnaia è nono, Quartararo dodicesimo.

-2 giri: Marquez cade alla prima curva! Binder intanto è davanti con 7 secondi su Espargaro, Rossi scivola in quinta posizione.

-2 giri: Bagnaia va lungo alla curva tre, Marquez primo ad entrare ai box adesso è decimo a 33 secondi da Binder al comando della corsa. Se non pioverà forte il sudafricano farà il colpaccio! Rossi è terzo!

-3 giri: Marquez va al comando, sulla pista sempre più insidiosa. Dietro Quartararo attacca Bagnaia adesso quarto, pure Martin è passato. Adesso piove forte, entrano tutti ai box per il cambio moto. Binder invece rimane fuori, imitato da Aleix Espargaro. Intanto Rossi è quarto!

-4 giri: che gara batticuore! Intanto Quartararo e Martin si riavvicinano, Martin passa il francese che risponde. Nessuno dei leader entra ai box. Si attaccando anche Mir e Binder al gruppo di testa.

-5 giri: Duello entusiasmante, mentre la pioggia si avvicina ma ancora non pregiudica l’aderenza. Miller e Rins entra ai box per il cambio moto.

-6 giri: Cade qualche goccia di pioggia, problema di gestione aggiuntivo per Bagnaia in testa alla corsa. Intanto cade Oliveira, che qui aveva vinto lo scorso anno con la KTM. Incidente alla curva 1.

7 giri: La volata è lanciata: Marquez è vicinissimo a Bagnaia, Quartararo non è tagliato fuori. Martin è quarto a poco più di un secondo.

9 giri: Quartaro sbaglia la frenata alla curva 3 per resistere a Marquez, che passa e inquadra nel mirino Bagnaia.  Gara apertissima.

10 giri: caduto Johann Zarco! Brutto colpo per il francese che era secondo nel Mondiale. Stessa curva e stessa dinamica della scivolata nel warm up, perdita d’anteriore e addio sogni di gloria.

12 giri: Il terzetto di testa resta compatto, ma il gruppo di allunga: Martin è quarto a 1″4 dal leader Bagnaia. Rimarchevole il 12° posto di Ilker Lecuona, partente dalla KTM.

14 giri: Bagnaia non ha mai vinto in top class, sta mantenendo il primo posto con l’obiettivo a portata. Quartararo e Marquez non mollano, anche Martin “avvertito” dalla direzione gara per ruote sulla zona verde.

16 giri: Quartararo ritocca il giro veloce e ricuce lo strappo di Bagnaia. I tre al comando se le danno di santa ragione, ma è una fase di studio: dai box si scruta il cielo, che non promette niente di buono. Intanto Binder riceve “track warning” dalla direzione gara.

-17 giri: Bagnaia mantiene il comando, ha quattro decimi di margine su Quartararo, Marquez, Martin, Zarco e tutto il resto del gruppo, sempre molto compatto. Intanto Mir attacca con successo Miller per la sesta posizione. Nuvoloni minacciosi.

-19 giri: Bagnaia mantiene il comando, Quartararo adesso è nelle grinfie di Marquez. Non si staccano Martin, Zarco, Miller e Mir. L’Aprilia è decima con Aleix Espargaro con l’unica RS-GP in pista.

-20 giri: Quartaro un pò lungo in curva 1, tentando di resistere all’attacco di Bagnaia che va in testa. Fabio resta secondo ma Marquez, Martin, Miller e Mir sono vicinissimi.

-21 giri: Si ferma Enea Bastianini, primo ritirato della corsa: è saltata via una parte della carenatura! Torna a scendere qualche goccia di pioggia, sempre bandiere bianche agitate. Chi tornerà per primo ai box per cambiare moto? Intanto Quartararo attacca Bagnaia e va in testa. C’è bagarre.

-22 giri: Quartararo si scuote, alla curva 3 attacca Martin e Marquez: adesso è secondo!

-23 giri: A centro gruppo si fa notare Binder, risalito in settima posizione. Davanti solito terzetto con Bagnaia superato da Martin, che però sbaglia traiettoria e retrocede al terzo posto. Bagnaia guida davanti a Marquez, poi Martin, Quartararo e Zarco.

-24 giri: La corsa è lunghissima, Martin supera Marquez e si mette a caccia di Bagnaia. Quartararo sembra essersi ripreso dopo un avvio a rischio e molto cauto: Fabio ripassa anche Zarco ed adesso è quarto. Il gruppo è ancora molto compatto. Intanto Valentino Rossi è 18°

-25 giri: Marquez passa secondo, superando Zarco. L’otto volte iridato è molto efficace, è l’unico ad esser partito con gomma soffice. Martin supera Zarco. Quartararo torna quinto segnando il giro veloce della gara.

-26 giri: Marquez balza in terza posizione, comanda sempre Bagnaia davanti a Zarco. Scende in sesta posizione Quartararo attaccato da Miller.

-27 giri: Quartararo perde posizioni, Ducati aggressive con Bagnaia che ha preso il comando davanti a Martin e Zarco. Marc Marquez è quarto, davanti al leader del Mondiale

-28 giri: Martin parte benissimo, Quartararo corre un grande rischio in uscita di curva 1. Biandiera bianca agitata, cambio moto autorizzato da adesso.

Partiti!

Nonostante il cielo sia molto minaccioso, tutti i 20 piloti sullo schieramento partono con le gomme da asciutto. Box in fibrillazione per il cambio moto che, se la pioggia aumenta, può essere autorizzato da un momento all’altro.

Comincia a piovere!

Piloti schierati in griglia, comincia a gocciolare su Zeltweg. Una gara bagnata potrebbe cambiare radicalmente la prospettiva del GP e incidere in maniera sensibile sulla classifica: Fabio Quartararo leader del Mondiale non ama molto queste condizioni.

Gomma media scelta preferita

Com’era previsto, gran parte della griglia sembra indirizzata verso la scelta della gomma posteriore media. Parliamo ovviamente di soluzione slick. Se dovesse cominciare a piovere a gara in corso, i piloti cambieranno moto. Michelin porta un’unica soluzione da bagnato.

Forte rischio pioggia

Il meteo annucia l’arrivo di scrosci temporaleschi sull’area del circuito intorno alle 14:15, cioè poco dopo la partenza del GP. Quindi c’è forte possibilità che si disputi una gara flag-to-flag, cioè con cambio moto autorizzato. Ricordiamo che i piloti possono entrare in pista quando la direzione gara espone bandiera bianca in tutte le postazioni del circuito.

Per i tuoi massaggi Thai

Il riepilogo del week-end austriaco

Al Red Bull Ring va in scena la 11esima gara stagionale del campionato del mondo di MotoGP. Sarà il secondo Gran Premio in terra austriaca dopo quello disputato una settimana fa e conclusosi con la vittoria di Jorge Martin. Ancora una volta lo spagnolo del team Pramac Racing piazza un altro grande risultato nelle qualifiche ottenendo la pole position, con l’obiettivo di bissare la grande impresa. Dalla prima fila scatteranno il leader di classifica Fabio Quartararo e il compagno di marca Pecco Bagnaia alla ricerca della sua prima vittoria in classe regina.

In seconda fila le due Ducati di Johann Zarco  e Jack Miller separate dalla Honda di Marc Marquez. Il campione della Honda dovrà valutare al meglio la scelta della gomma posteriore per pianificare la miglior strategia di gara: la soft per attaccare sin da subito o la media per gestire al meglio nei 28 giri. Partiranno dalla terza fila Joan Mir, Aleix Espargarò e Miguel Oliveira.

15esima piazza per Enea Bastianini, 18esima per Valentino Rossi preceduto dal fratello Luca Marini. Ultima fila per Danilo Petrucci che sta valutando l’ipotesi Dakar con il marchio KTM. Ancora ultimo il collaudatore Yamaha Cal Crutchlow. La gara di MotoGP prenderà il via alle ore 14:00.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alessandro zaccone motoe

MotoE, Alessandro Zaccone: addio al campionato, ma è andata bene…

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: caccia ad un altro colpaccio, stavolta in casa

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Con Valentino Rossi non c’è lavoro di squadra”