Paolo Ciabatti D.S. Ducati Corse

Jorge Lorenzo-Ducati: Paolo Ciabatti mette a nudo il divorzio

Jorge Lorenzo-Ducati è un matrimonio concluso con molti rimpianti e il tempo che ha giocato a sfavore. Paolo Ciabatti: "Decisione dopo Le Mans".

17 luglio 2019 - 11:06

Dall’esterno sembra che in Ducati non sappiano gestire al meglio i rapporti (e i contratti) con i piloti. L’anno scorso i vertici di Borgo Panigale si sono lasciati scappare Jorge Lorenzo, proprio nel momento in cui iniziava a decollare a suon’ di vittorie. Quest’anno Danilo Petrucci si è lamentato non poco per i ritardi nel rinnovo. Ma chi comanda nel Reparto Corse? E chi è il responsabile del rapporto con i piloti?

La testa pensante e decisionale è Gigi Dall’Igna, ma più che di comando unico si può parlare di un triumvirato formato insieme a Tardozzi e Ciabatti. Senza dimenticare che le scelte finali, soprattutto in termini di ingaggi di nuovi piloti, spettano all’ad Claudio Domenicali. Il Direttore Sportivo Paolo Ciabatti non vuole sentire parlare di cattiva gestione: “Non capisco perché i giornalisti puntino e criticano costantemente Ducati – ha detto a Motorlunews.com -. Perché penso che ci siano state e ci siano situazioni in altre squadre molto complicate, se non peggiori“.

DUCATI-LORENZO, ADDIO DOPO LE MANS

Lascia ancora discutere il divorzio da Jorge Lorenzo, proprio nel momento in cui ha iniziato a collezionare prestazioni eccellenti al Mugello e a Barcellona. Già dopo il GP d’Italia la separazione era annunciata pubblicamente, con Ducati che aveva trovato l’accordo con Petrucci e il maiorchino con Repsol Honda. Il tempo ha giocato a sfavore di team e pilota, visto che nelle prime cinque gare del 2018 Lorenzo aveva incassato tre ritiri e una sola top-10. Ben poca roba per un atleta pagato 25 milioni, considerando i tre podi nel 2017. “Abbiamo ingaggiato Jorge per diventare campioni del mondo o almeno provarci nel primo anno, ma le cose sono andate diversamente. Il secondo anno le cose sono iniziate quando sono iniziate – ha aggiunto Paolo Ciabatti – e ciò ha generato una situazione difficile. Penso sia comprensibile che stavamo pensando a qualcosa di diverso. Questo è quello che è successo. La decisione è stata presa dopo Le Mans“.

Ragionando con il senno di poi Ducati non può non ritenersi pentita per la decisione presa. Ma dopo il Mugello e Barcellona il dado era ormai tratto, indietro non si poteva più tornare. “Ci sono momenti in cui devi prendere una decisione e prenderla. In quel momento è successo quello che è successo… Jorge ha deciso di firmare con Honda prima che gli dicessimo la nostra decisione, perché pensava di non avere possibilità di proseguire con la Ducati. Ma è anche vero che stavamo parlando con Petrucci da qualche settimana – ha confessato Paolo Ciabatti -. Non era un segreto perché siamo stati molto chiari con il manager di Jorge“.

1 commento

Katana05
20:45, 17 luglio 2019

Non si capisce cosa avrebbero deciso. Oppure Lorenzo se n’è andato prima che decidessero qualcosa?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “Sul motore servono gli ingegneri giusti”

kasma daniel kasmayudin moto2

Moto2: SAG Team, cambio di rotta. Arriva Kasmayudin nel 2020

Valentino Rossi e Fabio Quartararo

Quartararo, Petrucci, Rossi: a Valencia sarà sfida a tre