MotoGP Marc Marquez

Honda prepara un “cambiamento radicale”: Marc Marquez ancora in dubbio

Nei test MotoGP vedremo una Honda RC-V radicalmente diversa, come preannuncia il direttore tecnico Yokoyama. Incerto il ritorno di Marc Marquez, Pol Espargarò cambia metodo di allenamento.

13 gennaio 2022 - 8:58

L’ultimo difficile biennio MotoGP costringe Honda a compiere una semi-rivoluzione tecnica. Sarebbe sbagliato continuare sulla stessa filosofia di una moto a misura di Marc Marquez, quindi la prossima RC213V dovrebbe essere un passo avanti verso questa direzione. Un prototipo più facile da guidare anche per gli altri piloti del marchio, fermo restando che il fenomeno di Cervera resta la punta di diamante di HRC.

Una Honda radicalmente nuova

Il direttore tecnico Takeo Yokoyama ha ridisegnato radicalmente la moto dell’Ala dorata. “Tecnicamente vogliamo utilizzare la gomma posteriore in modo più efficace – spiega a MotoGP.com -. La scorsa stagione è stata il secondo anno con questa nuova gomma e abbiamo iniziato a capire come usarla. Vogliamo vincere il titolo! Il modo di guidare dei nostri piloti è cambiato verso la fine del Mondiale, perché abbiamo iniziato a capire sempre di più come funzionava la gomma posteriore“.

Nell’inverno 2020/2021 Honda non ha potuto apportare grandi migliorie in tal senso, perché il motore era congelato a causa dell’emergenza Covid-19. L’attenzione degli ingegneri al servizio di Yokoyama è andata su altre aree: “La nostra conoscenza è migliorata, quindi ora stiamo mettendo insieme tutto ciò che abbiamo imparato sulla moto del 2022. Quando i risultati sono pessimi, è più facile fare un cambiamento radicale. Quando si vince è più difficile cambiare. Questa è la prima volta nella storia che tutti lavorano per due anni allo sviluppo del motore, quindi penso che ci sarà un grande cambiamento nelle prestazioni“.

Il dubbio su Marquez

Honda non ha perso tempo a fissare le prime date della nuova stagione MotoGP. Venerdì 14 gennaio ci sarà una conferenza stampa a distanza, tutti presenti tranne Marc Marquez. L’obiettivo è forse quello di evitare domande scomode e dirette al campione di Cervera. Lo vedremo l’8 febbraio in occasione della presentazione ufficiale del team, a cavallo dei due test IRTA pre-campionato. Sarà un video probabilmente pre-confezionato e senza possibilità di fare domande ai piloti. Marc potrebbe fare la sua apparizione in Malesia e Indonesia, anche se per il momento non c’è nulla di confermato. Continua la sua preparazione fisica in palestra, ma non sale in moto da due e mesi e mezzo.

Pol cambia allenamento

Occhi puntati anche su Pol Espargarò che rischia di lasciare la livrea Honda al termine del 2022. Molto dipenderà dai risultati nelle prime gare e il pilota di Granollers ha modificato la sua preparazione invernale per non farsi trovare impreparato. Meno allenamento in palestra, più pratica in moto con la RC213V-S e la Supermoto. “Quest’anno voglio intensificare gli allenamenti sul flat track. Quando vedo come lavora Marc, penso che potrebbe essere molto vantaggioso anche per me“.

Libro novità: “Il Galateo Social”, come comunicare con successo. Disponibile su Amazon

2 commenti

FRA 1988
14:15, 13 gennaio 2022

La Honda può stravolgere ciò che vuole ma con Espargarò non lotterà mai per il campionato.
Alex Marquez non è un fenomeno ma il suo 2020
è più dignitoso di Espargarò nel 2021.

    Max75BA
    17:45, 13 gennaio 2022

    Senza M.M. è difficile credere che un hondista possa lottare per il titolo…la Honda come parco piloti è messa peggio in MotoGP…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Enea Bastianini

MotoGP, esclusiva Pernat: “Bastianini ha un solo obiettivo”

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Lorenzo sr: “Andrea Dovizioso ha un grosso problema”

MotoGP, Massimo Rivola

MotoGP, Massimo Rivola: “Il futuro di Vinales dipende da noi”