Dani Pedrosa, più veloce con la KTM che con la Honda in Austria

KTM aveva pensato a Dani Pedrosa per il dopo-Zarco, ma è arrivato un no. Efrén Vázquez rivela: "È più veloce con la KTM che con la Honda."

22 agosto 2019 - 15:50

A fine luglio, durante la pausa estiva, Dani Pedrosa è sceso in pista al Red Bull Ring, settimane prima del Gran Premio d’Austria. L’obiettivo era doppio: il primo, continuare lo sviluppo della moto, dando indicazioni precise soprattutto sull’elettronica. Il secondo, raccogliere informazioni per aiutare i piloti ufficiali Pol Espargaró e Johann Zarco in vista dell’appuntamento mondiale.

Il Gran Premio non è andato proprio come previsto: Espargaró si è fermato per un problema meccanico, Zarco ha chiuso 12°. Il primo pilota KTM è stato il portoghese Oliveira del team indipendente Tech 3, che ha ottenuto così un 8° posto, il suo miglior risultato all’esordio in MotoGP. I problemi sono poi aumentati quando Zarco ha chiesto di scindere il contratto, una decisione presa per motivi personali. KTM ha accettato, offrendo subito la sella rimasta libera a Dani Pedrosa, ritirato alla fine del 2018. Perché?

Tutti conoscono la capacità di Pedrosa di sviluppare una moto. Ha esperienza e grande sensibilità, e la moto del 2020 è già nelle sue mani, come ha riconosciuto recentemente il direttore tecnico Sebastian Risse. Arriva però qualche altra notizia in più da parte di Efrén Vázquez. Lo spagnolo è anche lui collaudatore per la struttura austriaca, impegnato però nello sviluppo in Moto3. Chiaramente però serve da vicino quello che succede nella categoria regina.

Nel corso di una discussione piuttosto critica accesasi via Twitter riguardo alla KTM in Moto3, è intervenuto Efrén Vázquez. La conversazione si è poi spostata sulla MotoGP, quando qualche utente ha criticato la filosofia KTM a proposito del telaio tubolare. Secondo gli scriventi, così la struttura austriaca non potrà mai competere contro Honda, Yamaha o Ducati. Risponde Vázquez: “Pedrosa è stato più veloce con la KTM che con la Honda nel corso dei test in Austria.” I tempi però non sono stati resi noti perché “segreto di fabbrica”.

Pochi dubbi sul fatto che, secondo il team, la squadra ideale sarebbe Dani Pedrosa accanto a Pol Espargaró nel 2020. Da ricordare però che è stato il pilota di Sabadell a lasciare le corse: una scelta dovuta anche alle molteplici lesioni riportate nel corso degli anni. Pedrosa è tornato in forma ed è di nuovo uno dei piloti più veloci del mondo, ma sembra preferire la sua nuova vita da tester KTM. La reazione dopo la rottura con Zarco ha aperto nuovi scenari, ma il catalano non cambia idea.

“Ho una missione in KTM” aveva dichiarato. “Provare la MotoGP. Questa è la mia posizione. Ora sono molto più tranquillo, non sento la pressione delle gare e posso concentrarmi completamente sui test. Per questo non è nei miei piani tornare a competere a tempo pieno.” Il suo lavoro finora è stato particolarmente apprezzato dalla struttura di Mattinghofen, con vertici e piloti che non mancano di parlare favorevolmente di quanto sta facendo Pedrosa. Chiaro che in KTM si è pensato subito a lui per un dopo Zarco, ma bisogna invece cercare altre strade.

L’articolo originale su motosan.es

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Marc Marquez ad Aragon

MotoGP, Marc Marquez: “La caduta? Un rischio che dovevo prendere”

maverick vinales aragon

MotoGP Aragón, Prove 2: Yamaha davanti, cade Márquez

kaito toba

Moto3: GP di Aragón concluso per Kaito Toba