Alex Marquez MotoGP

Alex Márquez: “Adesso serve responsabilità da parte di tutti”

Alex Márquez si prepara per l'esordio 'virtuale' in MotoGP. E sul rivale più duro incontrato finora: "La battaglia più difficile è contro se stessi."

27 marzo 2020 - 18:12

Alex Márquez sarà uno dei protagonisti del primo Gran Premio MotoGP virtuale, in programma questo weekend. Certo non proprio “l’esordio” che il Campione Moto2 in carica si aspettava, ma la situazione attuale costringe tutti a casa. Il rookie della categoria regina, come i suoi colleghi, sottolinea l’importanza di seguire le regole in questo momento, in attesa che la situazione migliori. Nel frattempo ci si organizza diversamente.

“La mia routine? Un po’ di sport per tenermi in forma” ha raccontato Alex Márquez, rispondendo alle domande dei fan. “In casa cerco sempre qualche angolo per fare alcuni esercizi.” Ma non solo. “Trascorro anche un po’ di tempo con i miei cani [Stich e Shira, ndr], gioco col simulatore di F1… Cerco anche di mantenere costantemente i contatti con tante persone. Insomma, provo a tenermi sempre impegnato.”

La reazione quando il Repsol Honda Team l’ha contattato? “Shock” ha ammesso. “Eravamo a Valencia per l’ultimo GP dell’anno. È successo tutto molto in fretta, ma ho detto subito di sì. Avevo appena vinto il titolo Moto2 in Malesia, quale miglior modo di compiere il cambio di categoria? Avevo sempre sognato di arrivare in MotoGP ed il Repsol Honda è la migliore occasione per me. Darò il massimo per approfittare di questa opportunità.”

Gli si chiede poi quale sia il rivale più duro incontrato finora nel corso della sua carriera. La risposta può forse sorprendere. “Ci si scontra sempre soprattutto con se stessi: quello è il rivale più difficile. Bisogna sempre cercare di migliorarsi, dare il massimo ogni giorno e riuscire ad imparare quello che potevo dagli avversari. Mi sono scontrato con molti piloti rapidi sia in Moto3 che in Moto2 e ho sempre cercato di assorbire tutto il possibile dagli altri.”

Un consiglio? “Ne ho ricevuti tanti. Il migliore è stato quello di godermi ciò che faccio. Non tutti hanno la possibilità di fare della propria passione un lavoro.” Ma non manca poi un consiglio da parte sua, riguardo al momento attuale.  “Tutti ora devono assumersi le proprie responsabilità: bisogna rimanere in casa e seguire le regole imposte. Sicuramente così riusciremo a superare anche questa situazione.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Carmelo Ezpeleta

MotoGP, Ezpeleta: “Su Valentino Rossi sono molto ottimista”

Alex Marquez e Marc Marquez

MotoGP, Alex e Marc Marquez a Jerez con un casco speciale

motoe 2020

MotoE, Nicolas Goubert: “Abbiamo gestito il calendario al meglio”