MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Luca Cadalora: “Valentino Rossi ha le basi per continuare”

Valentino Rossi non può permettersi errori nella stagione MotoGP 2020. Luca Cadalora: "Sarà un anno importante, dovrà fare bene dall'inizio".

19 dicembre 2019 - 18:00

Luca Cadalora ha lasciato il box di Valentino Rossi alla fine della stagione MotoGP 2018. Dopo tre stagioni nei panni di personal coach del Dottore, ha deciso di dedicarsi ad una vita più tranquilla e familiare. Non ha mai smesso di seguire il Motomondiale, dove ha vinto tre titoli iridati nel 1986, 1991, 1992. Il monopolio spagnolo risulta evidente con i trionfi dei fratelli Marquez nelle rispettive classi, con Maverick Vinales che ha chiuso al terzo posto in Top Class. “Abbiamo avuto uno strapotere spagnolo, per noi italiani non è il massimo. Andrea Dovizioso è stato l’unico che ha impensierito in qualche occasione Marc Marquez. Ma gli è mancata costanza – ha detto a ‘La Gazzetta dello Sport’ – e questo gli ha impedito di lottare per il Mondiale“.

IL  DOTTORE CHIAMATO ALLA RISCOSSA

Stagione piuttosto deludente anche per il suo ex ‘assistito’ Valentino Rossi. L’inizio di stagione MotoGP aveva lasciato intendere un diverso andazzo rispetto a quanto si è visto dopo Rio Hondo ed Austin. “Valentino è partito bene all’inizio dell’anno, ha fatto due podi, un inizio arrembante. Poi è entrato in crisi con la moto, è stato un anno difficile per lui. Penso ci siano le basi per ripartire in modo più convincente e competitivo. Sarà un anno importante – ha proseguito Luca Cadalora -, lui ha la voglia di continuare anche dopo il 2020. Dovrà fare bene all’inizio del campionato“.

Da febbraio ad aprile saranno mesi decisivi per Valentino Rossi e Yamaha, che dovrà delineare subito l’accoppiata piloti per il 2021-2022. A scalpitare c’è Fabio Quartararo che, dopo un’annata formidabile da rookie, vuole entrare di diritto tra i big. “Quartararo è la grande sorpresa, è andato molto forte anche se non ha vinto un GP. Di solito i giovani così tendono a migliorare e possiamo aspettarcelo più forte di quest’anno. Anche Vinales è andato forte e certamente ne vedremo delle belle“.

MOTO2 CHIAMA ITALIA

Per il 2020 si prevede una bella bagarre anche in Moto2 dopo la partenza di Alex Marquez. Salgono le aspettative intorno a Luca Marini ed Enea Bastianini, mentre per l’iridato Lorenzo Dalla Porta sarà un anno di rodaggio. “Possono vincere Luca Marini o Bastianini, che hanno già qualche anno di esperienza in più. Secondo me, abbiamo buone possibilità di provare a vincere il campionato del mondo con un italiano. Lorenzo Dalla Porta ha avuto un’ottima stagione quest’anno. È stato il campione del mondo in Moto3. Va in Moto2, con una moto molto diversa rispetto alla Moto3, ma andrà in una buona squadra. Italtrans – ha concluso Cadalora – è una buona squadra per coloro che debuttano e penso che possano fare bene“.

1 commento

lorenzoursan_14190819
13:47, 20 dicembre 2019

Le basi le ha di certo, per finire le gare nei primi dieci, ma la capacità di fare degli “acuti”, delle prestazioni da podio, quella dimostrerà di averla ancora?
Se si prendono anche solo 3 o 4 decimi in un giro, poi a fine gara sono 10 o 15 secondi come minimo….

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp

MotoGP, la griglia di partenza 2021: a che punto siamo

tulovic motoe cev moto2

MotoE: Lukas Tulovic sotto i ferri, sistemata la lesione alla mano destra

bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: “Ducati ha scommesso su di me prima di tutti”