Andrea Iannone

Andrea Iannone e il rebus Drostanolone: rischio integratore contaminato

Andrea Iannone ha incontrato il suo legale De Rensis a Milano per pianificare la strategia difensiva. Avanza l'ipotesi integratore contaminato.

20 dicembre 2019 - 8:52

Ieri primo incontro a Milano fra Andrea Iannone, il suo legale Antonio De Rensis e il consulente scientifico Alberto Salomone. Bisogna pianificare la miglior strategia difensiva, in attesa dell’esito delle controanalisi del 7 gennaio, che confermerà o smentirà la positività al doping sulle urine prelevate in occasione del GP di Sepang. “La quantità è decisiva – ha spiegato il legale -. Nel frattempo il pilota può decidere di fare analisi personali per ricostruire lo storico dei suoi valori“.

L’ipotesi maggiormente accreditata resta quella della contaminazione alimentare, considerando che Andrea Iannone è rimasto 5 settimane in Asia. E considerando che il pilota è un grandissimo consumatore di carne. La sostanza incriminata è il Drostanolone, probabile venga utilizzato dagli allevatori. “Gestissi un allevamento di animali sceglierei un altro prodotto – ha spiegato a ‘La Gazzetta dello Sport’ il prof. Paolo Borrione, specialista di Ematologia -. Ma non ne escludo l’utilizzo: soprattutto in Sudamerica e in Oriente le carni trattate ci sono“.

Probabile anche l’ipotesi di integratore contaminato. “In passato si usava per curare dei tumori e in ematologia per stimolare la produzione di globuli rossi, ma ha pure risvolti dopanti: aumenta la massa muscolare, riducendo quella grassa. Non aumenta la resistenza, ma la forza sì“. Andrea Iannone ha perso 7 kg nell’ultimo anno per acquisire maggiore agilità in sella alla RS-GP. Ma il Drostanolone è la molecola sbagliata per perdere peso. L’obiettivo di questa molecola è acquisire forza. “In questo caso non posso esprimermi senza sapere il quantitativo, la tempistica o se c’è alterazione del tracciato ormonale. Questa molecola ha un’emivita (quanto vive nell’organismo, ndr) di soli 2/3 giorni e da lì si può risalire al momento dell’assunzione“.

1 commento

fabu
9:22, 20 dicembre 2019

poverino, chissà perché proprio lui.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

vietti moto3

Moto3: Celestino Vietti certezza tricolore. “Fatto lo step che volevo”

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso e Valentino Rossi… destini incrociati

MotoGP, Franco Morbidelli a Misano

MotoGP, Morbidelli: “Il mio odio per Quartararo è solo sportivo”