andrea iannone

MotoGP: La Commissione Antidoping sospende Andrea Iannone

Andrea Iannone sospeso dalla Commissione antidoping. Alcuni esami hanno rilevato sostanze steroidi anabolizzanti, il cui uso è proibito.

17 dicembre 2019 - 11:30

Arriva una sospensione per Andrea Iannone. La Commissione Antidoping ha comunicato il tutto all’alfiere Aprilia in seguito ai risultati delle analisi svolte nel corso del Gran Premio della Malesia. Rilevata infatti nelle sue urine qualcosa di non idoneo, che anzi fa parte della lista delle sostanze proibite. Il pilota di Vasto quindi rimane sospeso fino a nuova comunicazione, vale a dire fino ai nuovi risultati degli esami.

Il 3 novembre scorso, ovvero nel corso della tappa a Sepang, ultimo round del tour asiatico, Andrea Iannone si è sottoposto a questo tipo di esame. Quanto raccolto è stato spedito al laboratorio WADA di Kreischa bei Dresden, in Germania, che si occupa di questi controlli. Dopo attenta analisi, sono arrivati i risultati: rilevate nelle urine sostanze collegabili alla categoria degli steroidi androgeni anabolizzanti.

Si attendono ora i risultati di un secondo esame, ma a partire dal 17 dicembre Andrea Iannone è ufficialmente sospeso. Non può quindi prendere parte ad alcuna competizione o attività motociclistica, fino a quando non ci sarà una nuova comunicazione nei suoi riguardi. Questo è tutto ciò che si sa fino a questo momento: la Federazione Internazionale del Motociclismo sta monitorando da vicino la vicenda.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci “influenzati” dal calendario

moto2

Moto2, classe ricca di rookie: ecco gli otto volti nuovi, tra cui tre italiani

MotoGP, Herve Poncharal

Hervé Poncharal: “Tech3 in MotoGP fino al 2026”