Maverick Vinales

MotoGP, Julian Simon: “Vinales vuole sempre vincere”

Vinales chiude la prima parte del Mondiale con una vittoria e un podio. Dietro il successo dello spagnolo il suo coach Julian Simon.

10 luglio 2019 - 20:13

Maverick Vinales compie il sorpasso in classifica ai danni di Valentino Rossi e si piazza 5°. I sogni di titolo iridato sono svaniti, ma c’è ampio margine per contendere il secondo posto e togliersi grandi soddisfazioni. Dopo tre incidenti per cause altrui, che hanno rovinato la prima metà di campionato, il pilota spagnolo ha riportato alla vittoria la Yamaha ad Assen. Si è riconfermato altamente competitivo sul giro secco e nella lotta per il podio. Il segreto del successo? Un mix di elementi che lasciano intravedere la fine del tunnel di una lunga crisi.

A cambiare è soprattutto la mentalità nell’angolo del suo box. Maverick Vinales ha spinto tanto per l’allontanamento di Ramon Forcada e l’innesto di Esteban Garcia. Da febbraio ha debuttato Julian Simon come coach a bordo pista, con il compito primario di calibrare la psiche nei momenti più estremi. Infine ha leggermente modificato la geometria della sua Yamaha M1, così da poter guidare con il suo stile di guida aggressivo. “Ora abbiamo più coerenza su piste con grip e su piste senza grip. Abbiamo fatto questo passo, ora dobbiamo andare avanti così“.

Dal suo esordio con la casa di Iwata Vinales ha fatto registrare troppi alti e bassi. Ha esordito con due vittorie consecutive, prima di perdersi nei meandri dei telai e dell’elettronica. A volte ha perso la pazienza, altre ha sofferto la presenza di Valentino Rossi. Su queste debolezze lavora Julian Simon, insieme ai dati su temperature, gomme, condizioni di pista. Fino a questo momento i risultati danno ragione: “Sono il suo coach, ma il mio compito è anche di aiutarlo con la sua mentalità e stabilità. La mia raccomandazione è sempre quella di rimanere il più tranquillo possibile. Maverick vuole sempre vincere ed essere il primo, il secondo o il terzo in ogni sessione di prove – ha detto Simon a Motorsportmagazine –. Se vuoi essere lì ogni volta è un problema, perché può portare a più frustrazione“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartaro avvisa Yamaha: “Ducati è una opzione”

Valentino Rossi ad Abu Dhabi

Valentino Rossi vola in Messico: relax prima del bivio MotoGP o GT3

Jack Miller e Valentino Rossi

Valentino Rossi in Formula 1, Jack Miller: “Preferisco il rally”