nakagami motogp

MotoGP, Jerez2: Acuto di Nakagami nelle FP2, Rossi 8°

Takaaki Nakagami si mette in luce nelle FP2, stampando sul finale il miglior crono. Seguono Zarco e Pol Espargaró, caduti durante il turno.

24 luglio 2020 - 15:04

Seconda caldissima sessione di prove libere che mette in risalto Takaaki Nakagami. L’alfiere LCR Honda vola nell’ultimo turno di giornata, stampando il miglior crono davanti a sorpresa a Johann Zarco. Continua a mettersi in evidenza Pol Espargaró con la KTM, autore del terzo tempo a fine sessione. Non sono mancate delle scivolate per questi ultimi due, senza conseguenze. Il duo Monster Yamaha sempre davanti in classifica combinata con Binder 3°.

Secondo turno di libere che comincia con 53° C sull’asfalto, ovvero le medesime attese condizioni dello scorso fine settimana. Di conseguenza abbiamo da subito tempo molto alti, ma c’è tanta attività in pista fin dai primi minuti per saggiare queste condizioni. Ripartono Crutchlow e Rins, due degli infortunati dello scorso GP, che continuiano a testare le loro condizioni. Piloti Yamaha e KTM in particolare si mettono in evidenza fin da subito, oltre a Zarco che scala la classifica. Poco dopo però ecco un incidente per il pilota Avintia Racing alla curva Pedrosa.

Arrivano anche le prime conseguenze delle nuove regole sulle bandiere gialle: Quartararo e Viñales si vedono cancellare i tempi per non aver rallentato dove erano esposte le bandiere per la scivolata di Zarco. A metà sessione ecco Pol Espargaró al comando, ma subito dopo il pilota KTM finisce lungo e cade nella ghiaia della curva Michelin. Non va meglio al compagno di marca Lecuona, scivolato nello stesso punto. Sul finale abbiamo gli acuti prima di Johann Zarco, poi di Takaaki Nakagami, che chiude al comando davanti al pilota francese ed a Pol Espargaró.

La classifica FP2

La classifica combinata

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGé, Franco Morbidelli pilota Yamaha Petronas

MotoGP, Franco Morbidelli: una Yamaha factory? No, grazie

Torino Suzuki MotoGP

MotoGP: la maglia celebrativa del Torino F.C. per il Mondiale Suzuki

MotoGP, Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso: la “gabbia” della MotoGP e la libertà del motocross