Alex Rins Joan Mir Sylvain Guintoli

MotoGP, Alex Rins: “Soddisfatti del nuovo motore”

Suzuki chiude con un bilancio positivo i test a Valencia ed a Jerez. Il motore 2020 piace ai piloti. "Ora possiamo decidere" ha detto Davide Brivio.

27 novembre 2019 - 9:27

La pioggia ha interrotto anzitempo l’ultima giornata di test a Jerez, ma nonostante ciò Suzuki chiude in maniera positiva il 2019. Le prove svolte con il motore 2020 mostrano “un sicuro passo avanti”, come l’ha definitivo il Technical Manager Ken Kawauchi. Ottimismo derivato dalle parole dei piloti: Alex Rins, Joan Mir ed il tester Sylvain Guintoli hanno commentato positivamente sia quanto fatto a Valencia che a Jerez.

“Nonostante la pioggia, i test ci hanno permesso di vedere come stanno andando le cose” ha continuato Kawauchi. “La moto sta prendendo forma e ciò che abbiamo provato conferma le nostre iniziali speranze.” “Finiamo l’anno in maniera positiva” ha aggiunto Davide Brivio. “I feedback dai piloti sono buoni, possiamo decidere riguardo al motore. Utile per noi anche concentrarci su elettronica e setting della moto. A Sepang lavoreremo su altri settori, come ad esempio il chassis.”

“In questi due giorni abbiamo confermato tante cose” ha continuato Alex Rins, 3° in classifica combinata. “Siamo soddisfatti del nuovo motore. Nonostante i pochi giri sull’asciutto, ho mantenuto un buon ritmo e sono riuscito a migliorare il crono della prima giornata.” “Abbiamo lavorato sull’elettronica” ha poi detto Joan Mir, 5° a Jerez. “Dopo quattro giorni di test il feeling è davvero positivo.”

Sylvain Guintoli, che da tempo sta provando il nuovo motore 2020, ha disputato questi due ultimi giorni di test del 2019. “La giornata di martedì è stata corta, ma siamo riusciti a fare quasi tutto quello che avevamo in programma. Non vediamo l’ora che inizi il 2020, la nuova specifica del motore è davvero promettente. Il test team si sta impegnando tanto e c’è un sempre più stretto legame con la fabbrica. Stiamo vedendo i risultati di questo lavoro.”  

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Zarco: “Dopo l’addio di Lorenzo il vento è cambiato”

MotoGP, Fabio Quartararo e Maverick Vinales

MotoGP, Yamaha mea culpa: “Sull’elettronica abbiamo sbagliato”

tony arbolino mugello 2019

Tony Arbolino, la vittoria al Mugello diventa un tatuaggio