MotoE, Nicolas Goubert: “Moto pronte entro fine maggio”

Nicolas Goubert, direttore esecutivo del progetto MotoE, fa il punto sulla ricostruzione dopo l'incendio a Jerez, parlando poi anche di organizzazione e programmi.

30 aprile 2019 - 10:07

Il campionato automobilistico FIA Formula E 2018-2019, con auto elettriche, ha fatto tappa questo fine settimana a Parigi. Composto da 13 gare distribuite su 12 round, è iniziato il 15 dicembre 2018 a Riyadh e si concluderà il 14 luglio 2019 a New York. Abbiamo approfittato della tappa francese di questa competizione per avere qualche notizia della MotoE dal capo della sua organizzazione, Nicolas Goubert.

A metà marzo un incendio ha distrutto la maggior parte delle attrezzature a Jerez. A che punto siete ora con la ricostruzione?

“Energica sta ricostruendo tutte le moto, che saranno pronte entro la fine di maggio. Tutti i fornitori hanno reagito molto rapidamente e lo hanno reso possibile in meno di tre mesi, il che è notevole. Grazie a loro! Proveremo quindi a Valencia tra il 17 ed il 19 giugno, organizzeremo anche una simulazione di gara preceduta da una simulazione E-pole (formato Super Pole). Energica offrirà al vincitore una Energica Eva, il modello di streetfighter disponibile per la vendita”.

C’è un organizzatore di F1 e uno di Formula E. Nelle moto, i campionati termici ed elettrici hanno lo stesso organizzatore, vale a dire Dorna. È un vantaggio?

“Sì certo, è un grande vantaggio perché abbiamo già tutte le infrastrutture a posto. I media e il pubblico saranno presenti dall’inizio della serie. Per noi l’obiettivo è rendere questo nuovo campionato interessante.”

In Formula E si utilizzano pneumatici unici, validi sia per l’asciutto che per la pioggia. Abbiamo visto questo fine settimana che quando la pioggia ha iniziato a cadere durante la gara, i piloti hanno continuato a correre. Prevedi di utilizzare questo principio in futuro per le motociclette?

“Chiaramente no, i piloti avranno il miglior grip possibile sull’asciutto come sotto la pioggia. Avranno quindi pneumatici dedicati a ciascuna di queste condizioni. Approfitteremo del know-how della Michelin, che offrirà per la pioggia le ‘morbide’ usate di volta in volta dalla MotoGP, con un livello di grip fenomenale”.

In precedenza, durante ogni gara di Formula E, i piloti hanno dovuto bucare almeno una volta per cambiare auto. Questo cambio di auto è stato spiegato dalla mancanza di autonomia, con batterie che non garantiscono la durata della gara. Ci sarà il cambio in MotoE?

“Dalla quinta stagione in Formula E non c’è cambio di macchina. Non cambieremo neanche in MotoE e le gare dureranno circa 15 minuti.”

Uno straordinario vantaggio delle auto elettriche è che puoi correre nei centri cittadini senza disturbare nessuno a causa del rumore. Ma questi circuiti in città sono artificiali. La loro mancanza di spazio potrebbe essere un ostacolo al loro utilizzo per la moto?

“In effetti, per sicurezza abbiamo bisogno di un’autorizzazione. Non sarà possibile correre in città.”

È stato annunciato un nuovo calendario [qui tutti i dettagli]. Sono confermate queste date?

“Sì, queste date sono confermate. Testeremo anche nei giorni 17, 18 e 19 giugno a Valencia.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

48 lorenzo dalla porta

Lorenzo Dalla Porta e Alex Márquez campioni in Australia se…

Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo-Honda: massima intesa dopo Motegi

jeremy alcoba gresini moto3

Moto3: Jeremy Alcoba nel Mondiale 2020 con Gresini