motoe press conference jerez

MotoE, Matteo Ferrari riparte da campione: “Quest’anno più pressione”

Matteo Ferrari, Eric Granado, Xavier Simeon, Alex de Angelis e Dominique Aegerter protagonisti nella conferenza stampa MotoE a Jerez. Le loro dichiarazioni.

16 luglio 2020 - 12:42

La Coppa del Mondo MotoE entra ufficialmente nella sua seconda stagione con le dichiarazioni del giovedì. Dopo una lunga attesa anche per loro ecco l’esordio a Jerez, rimandato l’anno scorso a causa del vasto incendio ad inizio anno. Mercoledì giornata di test per riprendere confidenza con le moto, con l’esordiente Dominique Aegerter al comando. Proprio lui è protagonista in questo nuovo formato della conferenza stampa, assieme al campione in carica Matteo Ferrari, Eric Granado, Xavier Simeon e Alex de Angelis.

Per prima cosa Matteo Ferrari, così come tutti gli altri, non manca di ringraziare tutti gli addetti per aver dato vita al campionato dopo mesi di incertezza. “Quest’anno inizio più pressione” ha poi ammesso. “Nei test abbiamo dimostrato di essere veloci, oltre a riprovare le ultime novità già viste a marzo: siamo contenti.” Per quanto riguarda il campionato, “Ci sono otto nuovi piloti, tutti molto competitivi, come abbiamo visto nel caso di Dominique nei test. Sarà nuovamente un campionato molto combattuto.”

La parola passa ad Eric Granado, arrivato dal Brasile non senza difficoltà. “Nicolas [Goubert] e Dorna mi hanno aiutato con alcuni documenti, ed il passaporto spagnolo è stato utile. Durante la stagione vivrò in Spagna, ma mando un pensiero al mio paese, che non sta vivendo una bella situazione.” Riguardo la stagione, “Ripartiamo da dove ci siamo fermati l’anno scorso, puntando a migliorare costantemente. Cominciamo da zero: ci saranno tanti piloti da tenere d’occhio, come Dominique ieri! Le moto sono uguali per tutti, dipende dal pilota: io devo solo cercare di fare del mio meglio.”

Tocca poi a Xavier Simeon, che affronta la seconda annata MotoE con un nuovo team. “Dopo mesi senza sapere se avremmo corso, siamo davvero contenti di essere qui. Finalmente siamo tornati a correre, mi ha fatto molto piacere anche il benvenuto nei miei confronti da parte di LCR  e di Lucio Cecchinello.” Lasciati ormai alle spalle i problemi fisici del 2019: “Ora sono in forma!” Ma i nuovi calendari per lui rappresentano un problema: “C’è qualche sovrapposizione con il Mondiale Endurance, che disputerò anche quest’anno: dovrò scegliere quindi quali gare fare. In ogni caso darò sempre il massimo.”

Alex de Angelis è uno dei ‘veterani’ della categoria. Anzi, potremmo dire proprio delle due ruote, vista la sua grande esperienza nelle varie categorie. Si riparte con l’avventura elettrica, sicuro di poter fare molto di più rispetto al 2019. “I passi avanti l’anno scorso ci sono stati a partire da Misano. Non solo perché era il GP di casa, ma perché abbiamo capito molte più cose. Da quel momento infatti siamo riusciti ad essere sempre competitivi. Nei test poi mi sono sentito molto bene, miglioro ogni volta che entro in pista. Il livello quest’anno sarà pazzesco, come avevamo già visto a marzo, e ci saranno anche gli esordienti pronti a dire la loro.”

All’esordio nella Coppa del Mondo MotoE, Dominique Aegerter si è messo in evidenza nella giornata unica di test a Jerez. Miglior crono in tutte e tre le sessioni, un buon biglietto da visita in vista del primo round del 2020. “Il test è andato molto bene” ha dichiarato lo svizzero di Intact GP. “Abbiamo trovato un buon setting, ma devo dire che la moto per me è ancora nuova. Ci sono varie differenze con quelle ‘classiche’ ed all’inizio per questo mi sentivo un po’ nervoso, ma è questione di abitudine. Questo fine settimana ci saranno tante novità, a partire dal format, diverso da quello a cui sono abituato. Cercheremo di fare del nostro meglio.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alex marquez motogp

MotoGP, Emilio Alzamora: “Alex Márquez ci sta sorprendendo”

riccardo rossi moto3

Moto3: Riccardo Rossi negativo e pronto per il ritorno a Valencia

MotoGP, il podio del GP di Teruel 2020

MotoGP, dialoghi “segreti” tra Morbidelli-Rins-Mir prima e dopo il podio