de angelis motoe

MotoE: Alex De Angelis, caccia al podio nell’unica classe in cui manca

Alex De Angelis verso Misano con un obiettivo in mente: conquistare il podio anche in MotoE. Quale migliore occasione dell'evento di casa?

8 settembre 2020 - 16:44

Alex De Angelis vanta un’esperienza ormai ventennale sulle due ruote. Quest’anno poi è uno dei ‘veterani’ del campionato MotoE, categoria elettrica del Mondiale appena alla seconda stagione. Ci avviciniamo al doppio evento di casa per il pilota sammarinese (pole l’anno scorso), che punta al podio anche in questa classe. Sarebbe per lui un bel traguardo a livello personale: significherebbe infatti che è salito sul podio in tutte le categorie in cui ha corso.

Dall’esordio in 125cc nel 1999 come wild card ai giorni possiamo dire che ne ha fatta di strada. Sette podi complessivi nell’allora classe minore, 25 in 250cc (con una vittoria), sette in Moto2 (con anche due moto diverse a stagione, cogliendo tre successi), uno infine in MotoGP. Un piazzamento sul podio poi anche nel Mondiale Superbike, in cui ha corso nel 2016 e per metà 2017. Come accennato, ora manca solo la classe elettrica a completare il quadro.

“Quando Pramac mi ha chiamato per competere di nuovo a tempo pieno, in MotoE, ho colto subito l’occasione.” De Angelis infatti aveva smesso di correre, saltando totalmente il 2018 (“Non per mia decisione”), finché non arriva la firma per il campionato elettrico. “Non immagino la mia vita senza le moto” ha dichiarato a motogp.com in avvicinamento al ‘suo’ GP di casa. “Vent’anni in questo mondo e non si finisce mai di imparare.”

“In MotoE poi impari davvero tanto” ha sottolineato. “Non hai frizione, quindi il freno motore è totalmente diverso. Cambiano il peso, la potenza… Lo stile di guida chiaramente è differente: nelle curve lente devi guidare la MotoE come fosse una MotoGP, nelle curve veloci invece come se avessi una Moto3.” Non manca una raccomandazione per chi critica queste nuove moto elettriche. “Prima di giudicare, provatela: solo allora capirete quant’è divertente.”

“Quest’anno sia io che il team ci sentiamo più forti, grazie all’esperienza della scorsa stagione” ha aggiunto. “L’obiettivo è salire sul podio. In ottica campionato sfortunatamente abbiamo già perso parecchi punti… Ma cercherò di mantenermi tra i piloti più rapidi in pista in ogni occasione. Il podio poi sarebbe davvero fantastico! Vorrebbe dire che ci sono salito in tutte le categorie in cui ho corso.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mir Quartararo MotoGP

MotoGP, Barcellona: Quartararo e Mir a confronto, parlano i grafici

arenas mcphee moto3

Moto3: Albert Arenas e John McPhee, uno zero pesante a Barcellona

MotoGP, Herve Poncharal

MotoGP, Red Bull lascerà Tech3. Poncharal: “Con KTM non cambia nulla”