marcos ramirez moto3

Moto3, Valencia: Prove 1, Marcos Ramírez batte un colpo

Prime libere a Valencia nel segno di Marcos Ramírez. Lo spagnolo precede Filip Salač e Lorenzo Dalla Porta, 20 piloti in un secondo!

15 novembre 2019 - 9:52

In questa fredda mattinata valenciana, scattano al meglio i due piloti Leopard Racing. Marcos Ramírez ed il neo iridato Lorenzo Dalla Porta chiudono il primo turno di prove libere con il primo ed il terzo crono. Tra di loro si inserisce a sorpresa il rookie Filip Salač, a poco più di un decimo dallo spagnolo. Si riparte alle 13:15 con la seconda sessione di prove libere sul Circuito Ricardo Tormo. 

Un cielo azzurro accoglie i piloti Moto3, in pista per il primo turno di prove libere però con temperature di meno di 10° C. Due wild card presenti nel GP conclusivo, ovvero il campione Red Bull Rookies Cup Carlos Tatay e Xavier Artigas. Il campione CEV Moto3 Jeremy Alcoba, anche lui segnato inizialmente come wild card, è in pista invece con Gresini (suo team nel 2020) al posto dell’infortunato Rodrigo. Da segnalare le non perfette condizioni di Sasaki (lesione ad una mano) e Antonelli (ancora convalescente dall’infortunio ad una spalla), entrambi però regolarmente in pista.

Italiani e spagnoli i protagonisti di questa sessione fin dai primi minuti del turno, ma si inseriscono anche altri. Qualche problema iniziale per Canet, che riesce in seguito a ripartire: è più che determinato a chiudere al meglio l’esperienza in Moto3. Per il vice-campionato però deve guardarsi anche da Marcos Ramírez, che stampa il miglior crono in questo primo turno a Valencia. Secondo a sorpresa è Filip Salač, a precedere il campione Lorenzo Dalla Porta. Registriamo sul finale un incidente per Tom Booth-Amos, senza conseguenze per il pilota. 

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Sumi: “Sulle gomme di Rossi dobbiamo capirci meglio”

razali stigefelt petronas srt

Razlan Razali (Petronas SRT): “Yamaha contenta del nostro lavoro”

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, mercato piloti: Ducati-Yamaha destini incrociati