kazuki masaki moto3

Moto3: Kazuki Masaki, un passo indietro. Dal Mondiale al CEV

Kazuki Masaki è uno dei piloti che non ritroveremo nel Mondiale Moto3 nel 2020. Il giovane giapponese infatti riparte dal CEV Moto3.

3 gennaio 2020 - 16:00

Uno dei piloti che non ritroveremo nel Campionato del Mondo nel 2020 è Kazuki Masaki. Dopo due stagioni, il pilota di Fukuoka lascia il palcoscenico internazionale, ma non completamente. Sarà infatti al via nel CEV Moto3, schierato dal Team Laglisse. Per intenderci, la squadra con cui lo spagnolo Jeremy Alcoba (l’anno prossimo nel Mondiale) ha ottenuto il titolo quest’anno.

“Non siamo andati benissimo” ha scritto Kazuki Masaki, riassumendo con un breve post il suo 2019. “Ma è stato comunque un anno divertente. L’anno prossimo ripartiamo dal CEV Moto3. Un passo indietro, ma faremo del nostro meglio per compiere due passi avanti verso la stagione successiva. Grazie a tutti per il supporto.” Si chiude, almeno temporaneamente, un biennio difficile per il pilota giapponese.

Ritorna quindi nel CEV Moto3, un campionato già disputato nel 2o16. Dai trascorsi anche in Asia Talent Cup e All Japan Road Race Championship, Masaki nel 2017 si mette in evidenza conquistando il titolo in Red Bull Rookies Cup. Nello stesso anno disputa la prima gara mondiale, una wild card a Valencia chiusa in top ten. Nel 2018 il debutto ufficiale in BOE Skull Rider, stessa squadra in cui rimane anche nel 2019.

Nella sua prima stagione completa nel Mondiale chiude per cinque volte in zona punti. Nell’annata appena conclusa invece solo tre volte: a Le Mans in particolare ottiene un 8° posto, il miglior risultato assoluto. Da tempo si conosceva la sua decisione la squadra con cui ha disputato le due stagioni mondiali (che nel 2020 riparte da Kornfeil e Yurchenko). Quest’anno il giovane giapponese cercherà il rilancio nel Mondialino.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Viñales: “Yamaha, adesso siamo una grande squadra!”

miguel oliveira motogp

Miguel Oliveira: “Dani Pedrosa uomo chiave del progetto KTM”

mugello circuit motogp

Paolo Poli: “Il prossimo GP al Mugello sarà l’edizione della rinascita”