deniz oncu moto3

Moto3: Deniz Öncü, che rischio con quel disco dei freni sul collo

Gara Moto3 pazzesca per Deniz Öncü, che peccato l'incidente all'ultima curva. Ma al pilota KTM Tech3 è andata davvero bene, guardate il suo collo...

3 maggio 2021 - 10:18

Tra i grandi protagonisti della corsa Moto3 a Jerez inseriamo tranquillamente il nome di Deniz Öncü. Ma il pilota turco di KTM Tech3 ha corso davvero un rischio pazzesco. All’ultimo giro infatti lui, Masiá e Binder sono finiti a terra (qui l’incidente), giocandosi così ogni opzione da podio, ma il #53 è stato anche seriamente ferito dalla moto del pilota sudafricano. Guardate la foto qua in basso, postata dallo stesso pilota sui suoi canali social: la carambola poteva avere un risvolto di gran lunga peggiore.

 

“Sinceramente sono fortunato ad essere vivo. Quando [la moto di] Darryn Binder è passata sopra la mia testa, il disco anteriore [dei freni] mi ha tagliato il collo. Poteva andare molto peggio!” Deniz Öncü spiega così il suo finale di gara. Un vero peccato per la caduta dopo aver lottato per l’intera corsa per il podio, realizzando se vogliamo il suo miglior GP finora. Ma aggiungiamoci la fortuna di non aver dovuto parlare di qualcosa di molto più serio…

“Un gran weekend, fin dalle prime prove libere” ha sottolineato poi il pilota turco. Spiegando la sua tattica: “Abbiamo sempre cercato di correre da soli, spingendo e lavorando alla ricerca di un buon ritmo.” In gara poi si è messo in evidenza fin dal via, fino all’ultima curva. “In entrata stavo frenando come sempre, ma non sono riuscito ad inserire la prima marcia e mi sono ritrovato in seconda. Ho cercato di fermare la moto, ma ho colpito Masiá e l’ho fatto cadere. Mi dispiace tanto per lui!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

kelso ortola ogden whatley moto3

Moto3: Kelso, Ortolá, Ogden e Whatley, ecco i primi rookie ufficiali

MotoGP, Andrea Dovizioso con la Yamaha M1

MotoGP, Dovizioso: Quartararo maestro di stile, ma lo stop pesa tanto

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: mani in pasta sul Mondiale, resta il rebus Aramco