Moto3, Brno: Infortunio per Kazuki Masaki e Yuki Kunii

Lesioni in seguito ad incidenti distinti per Yuki Kunii e per Kazuki Masaki. Frattura ad una mano per il primo, commozione cerebrale per il secondo.

4 agosto 2019 - 15:20

Il Gran Premio della Repubblica Ceca lascia dietro di sé altri due piloti infortunati in Moto3 (oltre a Rodrigo, KO venerdì). Yuki Kunii (Asia Talent Team), alla prima wild card mondiale, ha riportato la frattura della mano destra in seguito ad un pauroso incidente con John McPhee al via. Kazuki Masaki (BOE Skull Rider), partito dopo un highside senza conseguenze nel warm up, ha riportato una commozione cerebrale in seguito ad una caduta in gara.

Yuki Kunii aveva già dovuto cancellare la wild card prevista in Catalunya per un infortunio. Si trattava della frattura del polso destro, riportata in seguito ad una caduta in gara in Red Bull Rookies Cup ad inizio giugno. Il pilota giapponese aveva nuovamente ottenuto un’occasione mondiale, ma purtroppo non è andata bene. Si è ritrovato davanti McPhee, scattato molto lentamente per un problema alla moto. Kunii l’ha colpito violentemente al posteriore, finendo a terra e riportando una nuova frattura, questa volta alla mano destra. Il video dell’incidente

Kazuki Masaki aveva già vissuto una situazione complessa in mattinata. Durante il warm up era finito a terra dopo un violento highside: i controlli al Centro Medico non avevano rilevato lesioni. Il pilota BOE Skull Rider quindi era partito regolarmente dalla 25° casella in griglia, ma la gara per lui si è chiusa anzitempo con una nuova caduta. Necessari quindi ulteriori esami approfonditi per scongiurare lesioni, ma il pilota ha invece riportato una commozione cerebrale in seguito all’incidente. Da valutare quindi le possibili conseguenze, visto che la prossima settimana si corre in Austria.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Sumi: “Sulle gomme di Rossi dobbiamo capirci meglio”

razali stigefelt petronas srt

Razlan Razali (Petronas SRT): “Yamaha contenta del nostro lavoro”

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, mercato piloti: Ducati-Yamaha destini incrociati