van den goorbergh moto2

Dal CEV Moto3 alla Moto2, Zonta van den Goorbergh con RW Racing

Mossa sorprendente in Moto2 2022: Zonta van den Goorbergh, attivo nel CEV Moto3, approda direttamente in middle class, ingaggiato da RW Racing GP.

23 ottobre 2021 - 11:29

Ufficializzato un altro tassello per quanto riguarda il Mondiale Moto2, ma è una notizia sorprendente. Zonta van den Goorbergh, attualmente attivo nel CEV Moto3, ha firmato con NTS RW Racing GP, ovvero una squadra della classe intermedia del Campionato del Mondo! Confermato un biennale per il 15enne olandese, quindi per le stagioni 2022 e 2023. Davvero un bel salto per questo ragazzino…

Nato il 1° dicembre 2005, si tratta del figlio di Jurgen van den Goorbergh, il famoso “olandese volante”, com’è stato soprannominato. Ma si tratta di una famiglia dalla tradizione motoristica: oltre al genitore, anche zio e nonno sono stati piloti di moto. I suoi inizi però sono nel motocross, una passione che è comunque rimasta: non è un caso il suo #84, ovvero il numero del suo illustre connazionale Jeffrey Herlings! Mentre nelle corse stradali il suo modello è Marc Márquez.

Nel suo passato lo troviamo attivo in svariati campionati, più recentemente in European Talent Cup (due pole e cinque podi di cui 4 vittorie nel 2020) e Red Bull Rookies Cup, oltre al Campionato Italiano Velocità. Quest’anno ha esordito nel CEV Moto3: è 16° a due gare dalla fine del campionato. “È davvero un bel salto” ha sottolineato lo stesso pilota dei Paesi Bassi. “Ma so bene che la squadra darà il massimo e così farò io. Vedremo cosa ci riserverà il futuro!”

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

voiedegarag_15199617
17:58, 23 ottobre 2021

Si, ma chi lascia: Hafizh Syahrin o Barry Baltus ?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022