Andrea Iannone

Caso Andrea Iannone: positività confermata ma i valori sono bassi

L'esame del campione B ha confermato la presenza di drostanolone, una sostanza vietata. I valori però sono modici. Cosa accadrà adesso

9 gennaio 2020 - 8:10

L’esame del campione B ha confermato la presenza di Drostanolone nelle urine di Andrea Iannone, prelevate dai commissari Wada al termine del GP di Malesia del 3 novembre scorso. Il controesame si è svolto nei laboratori Wada di di Kreischa, nei pressi di Dresda, in Germania. Il pilota dell’Aprilia, con una comunicazione del 17 dicembre 2019, è stato sospeso in via provvisoria dalla Federazione Internazionale di Motociclismo, in base all’art. 7.9.1 del Codice Antidoping Fim, per la positività al Drostanolone, uno steroide androgeno esogeno anabolizzante, inserito nella lista 1.1a proibita della Wada e rinvenuto nelle sue urine al test del 3 novembre 2019 dopo il GP di Malesia.

VALORI MOLTO BASSI

La difesa di Andrea Iannone (qui il suo commento) punterà sulla modica quantità di sostanza vietata rilevata. A Dresda sono presenti sia il difensore Antonio De Rensis che il consulente tecnico, dottor  Alberto Salomone. “Le controanalisi dovrebbero attestare la presenza di metaboliti pari a 1,150 nanogrammi per millilitro, quantitativo esiguo” spiega l’avvocato De Rensis. “C’èda consideare anche che il pilota era da oltre un mese di in Asia e che il test, eseguito subito dopo il GP, era relativo a un campione di urina molto densa, pari a 1,024, per la forte disidratazione della corsa. È un dato che ci conforta verso la tesi della contaminazione alimentare, anche perché gli steroidi sono assunti con cicli lunghi, non occasionali. Alla prima comunicazione ufficiale avvieremo le nostre attività per mostrare l’estraneità di Iannone e riconsegnarlo all’Aprilia, di cui apprezzo l’atteggiamento garantista».

E ADESSO CHE SUCCEDE?

I tempi si annunciano lunghi. Il deferimento è il primo atto ufficiale, a cui seguiranno il dibattimento sul caso. La difesa di Andrea Iannone dovrà convincere della buona fede del pilota la Commissione Disciplinare Internazionale, che deve emettere una sentenza entro 45 giorni. La parte soccombente potrà ricorrere al Tas (Tribunale d’Arbitrato dello Sport) di Losanna. Quasi impossibile che Andrea Iannone possa essere disponibile per i test di Sepang (7 febbraio), quando Aprilia manderà in pista il prototipo della nuova MotoGP. L’obiettivo di pilota e squadra è risolvere la delicatissima questione entro il GP del Qatar (8 marzo). Ma è una previsione assai ottimistica. Andrea Iannone rischia da una semplice reprimenda fino a quattro anni di sospensione, nel caso venisse accertato il dolo. 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

binder ktm motogp

MotoGP: Binder vs Márquez vs Lecuona, la lotta tra rookie dopo 8 GP

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Johann Zarco: “Bagnaia la scelta più giusta per Ducati”

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Per me il Mondiale è già finito”