Superbike, Tito Rabat

Superbike, Tito Rabat: “Non mi frega niente di correre gratis”

Tito Rabat inizia la nuova avventura nel Mondiale Superbike senza un ingaggio fisso. Ma l'ex pilota MotoGP affronterà l'impegno con grande motivazione.

21 febbraio 2021 - 8:19

Ha deciso di affrontare una nuova sfida e in maniera gratuita, in ogni senso. Tito Rabat si è visto mettere alla porta dal paddock della MotoGP e tenterà l’avventura in Superbike con il Barni Racing Team. Correrà senza un ingaggio fisso, ma assicura di tenere alta motivazione che lo ha sempre contraddistinto. “Non me ne frega niente di non fare soldi con il mio contratto – racconta a ‘El Periodico’ -. Sì, corro gratis, ma almeno non devo metterci soldi. Credo in me stesso e, quindi, mi guadagnerò da vivere con i premi che ricevo, ne sono certo, anche se non sarà facile. Ebbene, per me non lo è mai stato“.

Il passaggio nell’altro Mondiale

Nei giorni scorsi, insieme all’inseparabile amico Joan Mir, si è allenato sul circuito di Maiorca. Tito Rabat ha voltato pagina e ha voglia di rimettersi in gioco e competere per i podi. Sono in molti a pronosticare una sua stagione in Superbike di successo. “Non penso più al passato, non ne vale la pena. Sono felice. A 31 anni mi sento un bambino. Continuo a spingere, continuo a fare il ragazzo, adoro allenarmi, battermi in palestra, vivere la mia professione con passione e, soprattutto, con grande entusiasmo“.

Insieme al Barni Racing Team ha già effettuato alcune giornate di test con la sua nuova Panigale. “Mi sono divertito molto, la Ducati è una grande moto. È vero, non ci sono grandi differenze con la MotoGP. Ragazzi, la MotoGP è una macchina totalmente creata per competere ai massimi livelli, ma la SBK non è da meno“. La nuova opportunità offertagli da Ducati potrebbe offrirgli un finale di carriera di tutto rispetto. “Ho già raggiunto il mio obiettivo: continuare a godermi quello che faccio, la mia passione. Continuare in un grande Mondiale, continuare a gareggiare ad alto livello e provare a mostrare in pista tutto il lavoro che faccio a casa, in palestra e nei miei allenamenti“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Anonimus
14:45, 21 febbraio 2021

Facile fare gli splendidi quando si hanno le spalle coperte da papino…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

leitner ktm motogp

MotoGP, Mike Leitner: “Petrucci è grande, per noi una bella sfida”

ruben xaus motogp

VIDEO Ruben Xaus: “Bastianini talento irruento, Marini analitico”

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, lo spettro di Marc Marquez si aggira nel deserto