Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, ruggito di Toprak Razgatlioglu: “Così ci alleniamo in Turchia!”

Toprak Razgatlioglu il più veloce nelle prove libere Superbike in Indonesia. Il primo approccio con il Mandalika Circuit è più che positivo.

19 novembre 2021 - 12:29

Parte subito al top Toprak Razgatlioglu, il più veloce nelle prove libere Superbike in Indonesia. Si prepara alla consegna del suo primo titolo mondiale piazzando 1’34″230 e rifilando 174 millesimi a Jonathan Rea nelle FP2. Sono ben 30 i punti di vantaggio in classifica, un match point che sembra scontato da centrare. Al rivale non resta che attaccare e puntare al primo posto, ma potrebbe non bastare.

Il nuovo tracciato del Mandalika sembra calzare bene alla Yamaha R1. “Non ho idea del perché fossi molto più veloce degli altri. Mi sono soltanto seduto sulla mia moto e ho guidato“, ha scherzato il 25enne turco. “Di solito mi oriento rapidamente sui nuovi circuiti. E mi piace anche quando le piste sono scivolose: è così che ci alleniamo in Turchia. Forse era questo il motivo per cui sono andato più veloce“.

Non parla di titolo Superbike, forse per scaramanzia. Toprak Razgatlioglu è solo concentrato sulla prima gara, senza idee conservative dettate dall’aritmetica. E proverà anche a centrare il primo tris di vittorie in un week-end, sfumato a Magny-Cours dopo il reclamo della Kawasaki. “Non ci penso [al Mondiale, ndr], voglio solo ottenere più vittorie qui“, ha aggiunto l’alfiere Yamaha. “E proverò a vincere tutte e tre le gare. Non sarà facile, ma darò tutto per questo. La mia simulazione di gara è stata molto buona, anche se in gara è sempre un po’ più difficile. Non stavo cercando tempi nelle FP2, ho girato pensando solo alle gare“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Iker Lecuona

MotoGP, Iker Lecuona critica KTM: “Non è corretto”

yamaha replica superbike toprak

Superbike, ecco la replica della Yamaha R1 mondiale con Razgatlioglu

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: il vero motivo della crisi Kawasaki