Chaz Davies

Superbike: Chaz Davies, il ritorno del guerriero

Il gallese in gara 2 rimonta e finisce dietro a Jonathan Rea. "Fossi partito bene sarebbe stata una bella rissa"

14 ottobre 2019 - 10:44

In questo finale di campionato Chaz Davies sta aggiustando i conti. Finendo alle spalle di Jonathan Rea, dopo una convincente rimonta, il gallese ha firmato l’ottavo podio, lanciandosi con buoni propositi verso il 2020. L’inizio di stagione era stato da incubo, adesso stiamo ricominciando a vedere il guerriero amato dai tifosi Ducati. Che, sui social, non avevano digerito la rinuncia a partire nella gara di sabato.

LA GENTE NON CONOSCE I DETTAGLI

Questo  fine settimana dovrebbe essere una lezione per tutti e chi non fa parte della Safety Commission non può sapere  quali domande avevo avanzato su questo tracciato da più di un mese” precisa Chaz Davies. “Avevo chiesto a che punto fossero i lavori, e come avremmo trovato il tracciato. Ho avuto l’impressione che sia stato gestito tutto con superficialità. Hanno evidentemente passato disposizioni ai responsabili locali, che non hanno fatto quanto dovevano, nei tempi prescritti.” Sul comunicato ufficiale Ducati Chaz Davies ha fatto scrivere: “Ringrazio il team per essermi stato vicino ieri”. Questo lascia supporre che la Ducati abbia approvato, o almeno compreso, le ragioni della decisione di Chaz Davies.

“PECCATO QUELLA PARTENZA”

Il secondo posto è un ottimo risultato, ma mi sono complicato la vita da solo partendo male dalla seconda fila” racconta Chaz Davies.Quando sono arrivato al secondo posto avevo circa due secondi da Jonathan Rea, ma ho capito che riacciuffarlo sarebbe stato impossibile. Peccato, fossi scattato meglio sarebbe potuta uscirne una bella rissa fra me e lui”. 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding ci ha messo il cuore ma per il Mondiale non basta

andrea locatelli supersport

Supersport: Andrea Locatelli Campione, una sfida rivelatasi vincente

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea lo stratega: in Francia può chiudere i giochi