Supersport, Randy Krummenacher

Giallo Supersport: “Le accuse di Randy Krummenacher sono infondate”

Il team Evan Bros smentisce il proprio pilota che si sta giocando il Mondiale con il compagno Federico Caricasulo. "Il suo motore andava più o meno uguale"

14 ottobre 2019 - 11:06

Randy Krummenacher ha accusato il proprio team, Evan Bros Yamaha, di complotto. Cioè di avergli affidato un motore YZF-R1 più lento rispetto al compagno di squadra Federico Caricasulo. Il pilota svizzero si sta giocando il Mondiale in famiglia: nello spareggio di Losail (Qatar) difenderà otto punti su Caricasulo. In Argentina ne ha persi due, arrivando settimo, due posizioni dietro l’italiano. Oltre al giallo tecnico, pesa anche la vigorosa spallata con cui Caricasulo si è sbarazzato di Krummenacher a due giri dalla fine, qui il video. Il box è una polveriera, e non servirà a stemperare gli animi la durissima presa di posizione di Fabio Evangelista, che ha diffuso una nota per smentire il proprio pilota. Come il clima potrà rasserenarsi prima della supersfida di sabato 26 ottobre è un mistero.

EVAN BROS: “LE ACCUSE SONO INFONDATE”

Siamo molto dispiaciuti per le pesanti accuse mosseci da Randy Krummenacher attraverso alcuni media internazionali” sono le parole del team principal di Evan Bros, Fabio Evangelisti, riportate nella nota.  “Sono accuse del tutto infondate quanto inattese. Vogliamo sottolineare immediatamente come non vi siano mai state preferenze all’interno del team, nelle precedenti gare o in quella odierna. Siamo consapevoli della tensione alla quale è stato sottoposto Randy durante quest’ultimo weekend, vista la posta in palio, ma non possiamo che respingere con fermezza le sue accuse. “

“TRATTAMENTO IDENTICO”

“Il nostro team non può permettersi di trattare diversamente i due piloti, visto che ci stiamo giocando il titolo mondiale Supersport con le altre squadre ed altri piloti. Il nostro intento è esclusivamente quello di permettere ai nostri piloti di primeggiare nella classifica del campionato, senza favorire l’uno piuttosto che l’altro.  Da un primo controllo che abbiamo effettuato dopo la gara, è risultato come nell’arco dell’intera gara ci sia stata una differenza media di soli due o tre km/h tra le velocità di Caricasulo e quelle di Krummenacher, a favore del primo, come d’altronde è già accaduto in altre occasioni, per ragioni di peso e di aerodinamica.  Abbiamo inoltre confrontato le velocità di Randy con quelle di Cluzel, vincitore della gara odierna, e le prestazioni dei due motori sono molto simili, nonostante la notevole differenza di peso tra i due piloti, presente anche in questo caso. 

“DAREMO ALTRI DATI”

Vogliamo quindi ribadire come quelle di Krummenacher siano accuse del tutto prive di fondamento. Nei prossimi giorni valuteremo attentamente tutti i dati raccolti in questo fine settimana, in modo da avere un quadro della situazione ancora più preciso. 
Ci auguriamo di risolvere la questione al più presto, presentando ulteriori prove che confermeranno la nostra assoluta buona fede, della quale siamo assolutamente certi”.

1 commento

giammarle_14427893
12:04, 14 ottobre 2019

E’ veramente uno schifo !
La sensazione l’avevamo già avuta vedendo la gara in televisione, ma le parole di Krummenacher non fanno altro che confermare quello che chiunque abbia visto la gara ha percepito chiaramente.
Nonostante una gran percorrenza in curva la moto del 21 non è mai riuscita ad attaccare quella del compagno di squadra nonostante la sistematica scia presa in uscita di curva.
Queste gare non fanno bene al motociclismo !!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo perde colpi in pista, ma non su Google

garage sale day 2019

Garage Sale Day 2019, a novembre la festa dei motori

Web, Similarweb

Il web epicentro della passione moto: la classifica dei siti specializzati