Alvaro Bautista

Superbike: Alvaro Bautista “Sono stato troppo sicuro di me”

A metà Mondiale il primato torna in discussione: adesso pilota Ducati non può più sbagliare. Gli orari dei collegamenti TV

3 luglio 2019 - 14:18

Alvaro Bautista in tre round ha dilapidato il vantaggio che aveva accumulato vincendo a raffica nella prima fase del Mondiale. Adesso il ducatista ha solo sedici punti di margine su Jonathan Rea, contro 53 che vantava alla vigilia di Imola. Più che le quattro vittorie dell’inseguitore, a pesare sulla classifica sono i due “zero” che Alvaro Bautista ha incassato nelle ultime due uscite a Jerez e Misano. Due scivolate in fotocopia, al secondo giro di gara. A sei round dalla fine (18 corse) tutto è di nuovo in discussione. La prossima sfida a Donington è assai delicata, perchè sul tracciato britannico sia Jonathan Rea che la sua Kawasaki ZX-10R minacciano di essere efficaci quanto mai. Ci vorrà il miglior Bautista per reggere l’urto, e magari ripartire in contropiede. Qui gli orari dei collegamenti TV. 

“QUI NON ABBIAMO RIFERIMENTI”

Devo assolutamente imparare dagli errori commessi negli ultimi due round” assicura Alvaro Bautista. “Penso di essere stato un po’ troppo sicuro di me stesso. Inoltre dobbiamo concentrarci e lavorare sodo per il prossimo round. Donington Park è una pista che conosco abbastanza bene, ma ci ho corso solo con moto di categorie inferiori e mai in MotoGP. I prossimi due round di Donington, e subito dopo quello di Laguna Seca, potrebbero essere un po’ diversi e interessanti per noi, perché si svolgono su due tracciati dove non abbiamo riferimenti con la Panigale V4 R. In ogni caso la nostra performance è ottima, quindi l’obbiettivo è cercare di mantenere lo stesso livello raggiunto fino ad oggi.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Leon Camier, Superbike

Superbike: Leon Camier “Non ho bisogno di un nuovo intervento”

Jonathan Rea campione Superbike

Superbike, Jonathan Rea: “Natale momento speciale per noi”

Superbike, Maximilian Scheib

Superbike: Arriva il cileno Maximilian Scheib, al via ben 24 piloti