Eugene Laverty

Superbike: Eugene Laverty “Non posso tenere a bada la voglia di correre”

L'irlandese di Ducati Go Eleven non si illude: "Tentare il rientro a Donington sarà una grande sfida dal punto di vista fisico"

3 luglio 2019 - 14:36

Eugene Laverty tenterà di disputare l’ottavo round del Mondiale Superbike a Donington, questo week end. Il pilota irlandese di Ducati Go Eleven si è rotto entrambi i polsi a Imola, quasi due mesi fa, cadendo rovinosamente in uscita dalle Acque Minerali per un guasto di natura elettronica. La convalescenza non è finita, EuGenio non è certo nelle migliori condizioni possibili per affrontare un tracciato come quello di Donington particolarmente impegnativo dal punto di vista fisico. Ma Laverty vuole provarci a tutti i costi. Giovedi dovrà passare l’esame medico per ottenere il sospirato “fit” e poter scendere in pista nella FP1 venerdi alle 11:30 italiane.

“SARA’ UNA GRANDE SFIDA”

Dieci giorni fa mi ero convinto che non sarei stato in grado di guidare nè a Donington tantomeno la settimana prossima a  Laguna Seca” spiega Eugene Laverty. “Ma senza qualcosa a cui mirare mi sentivo avvilito e così ho cominciato a pensare che forse Laguna Seca sarebbe stata possibile se avessi continuato a lavorare sodo. È un circuito antiorario quindi stressa meno il polso. Dopo sei settimane di progressi lenti il mio polso destro finalmente è guarito ho iniziato a considerare anche Donington. Ho guidato una moto 300cc nella giornata di martedi 2 luglio e ho cambiato la mia posizione di guida per sopportare meglio il dolore. Il problema saranno quei 700cc in più… Donington sarà una grande sfida fisicamente ma mentalmente non posso sopportare di stare in disparte se c’è anche la minima possibilità che io possa competere. Non posso controllare il corridore dentro di me. “

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jonathan Rea

Jonathan Rea: “Adesso Alvaro Bautista è un pò meno mostro”

Superbike 2020, Calendario

Superbike 2020: Calendario, niente Asia ma torna la Germania

Lorenzo Savadori

Superbike 2020: Lorenzo Savadori, (quasi) fatta con Pedercini Kawasaki