MotoGP, Andrea Dovizioso: “Bisogna tenere alta la concentrazione”

Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci verso la sfida al Sachsenring. Circuito forse non così adatto alla D16, ma entrambi vogliono fare bene prima della pausa.

3 luglio 2019 - 14:59

Ducati Team pronto a tornare in azione, stavolta sul tortuoso Sachsenring, ultimo appuntamento prima della pausa estiva. Dopo una tappa opaca ad Assen, Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci arrivano determinati a fare meglio e ridurre così il distacco in classifica iridata. ‘Dovi’ vanta due piazzamenti sul podio su questa pista, con Monster Yamaha Tech 3 nel 2012 e con Ducati nel 2016. ‘Petrux’ ha chiuso quarto l’anno scorso, primo pilota Ducati al traguardo, ottenendo il suo miglior piazzamento su questo tracciato.

“La configurazione del tracciato non favorisce particolarmente la nostra moto” ha dichiarato Andrea Dovizioso. “Le gomme giocano spesso un ruolo chiave nell’esito della gara. Non mi aspetto sia facile battere i nostri avversari. Non ci sarà solo Márquez, perché probabilmente anche le Yamaha e le Suzuki saranno competitive su un tracciato con così tante curve strette. In ogni caso sappiamo che ci attende una sfida, ma ogni gara fa storia a sé e vogliamo fare altri passi avanti su questo circuito. Lo scorso anno il distacco al traguardo non fu grande, ma abbiamo ancora margini di miglioramento. Dobbiamo tenere alta la concentrazione per concludere questa prima fase del Campionato in maniera positiva”.

“Il Sachsenring forse non è la pista più adatta alle caratteristiche della nostra moto” ha aggiunto Danilo Petrucci. “Personalmente però mi piace. Lo scorso anno terminai la gara come primo pilota Ducati al traguardo, a soli cinque decimi dal terzo classificato. Mi sento quindi abbastanza ottimista in vista del weekend. Le condizioni meteo sono spesso mutevoli, ma la chiave resta la gestione della gomma posteriore, che ad ogni giro viene utilizzata sulla spalla sinistra per oltre trenta secondi consecutivamente. L’obiettivo resta il podio: confermando le nostre prestazioni e restando costantemente tra i primi, potremo continuare ad occupare i piani alti della classifica iridata. Si tratta inoltre dell’ultima gara prima della pausa estiva ed un buon risultato ci consentirebbe di andare in vacanza più serenamente. Vogliamo farci trovare pronti per un’altra bella battaglia.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Graziano Rossi: “Vorrei vedere Valentino correre per sempre”

MotoGP: Ducati che ancora non svolta e il sogno Marc Marquez

MotoGP: Dal 19 al 20 agosto si prova al KymiRing