pata yamaha worldsbk

VIDEO SBK: Van der Mark-Razgatlıoğlu per un gran 2020 in Pata Yamaha

Nuovo look e rinnovate ambizioni per Pata Yamaha in SBK. Michael van der Mark e Toprak Razgatlıoğlu pronti per un 2020 da protagonisti.

11 febbraio 2020 - 13:15

Quinta stagione consecutiva come team principale della casa dei tre diapason nel Mondiale Superbike. Pata Yamaha WorldSBK Official Team cambia il look e rinnova a metà il duo di piloti. La conferma è Michael van der Mark, pronto per la sua quarta stagione sempre con la stessa squadra. Molto interessante al suo fianco l’arrivo del ventitreenne Toprak Razgatlıoğlu: dopo due podi all’esordio, l’anno scorso ha chiuso per ben 13 volte in top 3, conquistando anche due successi.

Obiettivi quindi sempre più ambiziosi, seguiti ad alcuni cambi all’interno della squadra ed all’ingaggio di una coppia di piloti con cui si punta molto in alto. Michael van der Mark come detto è il veterano della squadra. Obiettivi? L’alfiere olandese è molto chiaro: “Vincere le gare. Se ce la facciamo, allora avremo la possibilità di lottare per il titolo.” Parla poi anche del nuovo compagno di squadra: “Mi piace! Fin da subito si è dimostrato veloce. Abbiamo avuto belle battaglie in passato, sicuramente ci ripeteremo.” 

Il giovane turco, che si avvicina alla prima stagione con un team ufficiale, si è già messo in evidenza, chiudendo al top in alcuni test invernali (regalando anche spettacolo con un ormai famoso stoppie). “Ero abituato ad una squadra piccola. All’inizio ero un po’… spaventato!” ha ammesso Toprak Razgatlıoğlu. “Era tutto nuovo, non conoscevo nessuno. Ora mi sto divertendo.” Per la prima volta poi avrà un compagno di squadra. “Sono fortunato, è davvero un bravo ragazzo. Lottiamo in pista, ma fuori lo chiamo ‘abi’, che in turco significa ‘fratello maggiore’.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike, Alvaro Bautista: “Siamo ancora lontani dal podio”

Scott Redding

Superbike: Scott Redding fantastico podio con Ducati, però…

Superbike, Michael Rinaldi: “Seconda metà di gara col passo dei primi”