can oncu supersport

Nuove sfide: Dalla Moto3, Can Öncü approda in World Supersport

Can Öncü nel 2020 nel Mondiale Supersport. Nuovi obiettivi per il turco, in arrivo dalla Moto3: "Voglio diventare il più giovane campione WorldSSP."

18 novembre 2019 - 13:49

Il Mondiale Supersport si arricchisce di un altro pilota in arrivo dal Motomondiale. Si tratta di Can Öncü, il più giovane vincitore di un Gran Premio (15 anni e 115 giorni) dopo l’esordio trionfale l’anno scorso a Valencia. Il campione Rookies Cup 2018 si unirà al nuovo Turkish Racing Team, squadra nata dalla collaborazione di Puccetti  Racing e Orelac Racing. Non è mancato anche il supporto del suo manager, il cinque volte campione WorldSSP Kenan Sofuoğlu, e della Federazione Motociclistica Turca.

Appena 16 anni, Can Öncü cambia completamente categoria dopo aver disputato una stagione difficile nel Mondiale Moto3. La sua carriera è iniziata in Asia Talent Cup, dove si è messo in evidenza prima di approdare in Red Bull Rookies Cup. Il 2018 è il suo anno migliore: vince quest’ultimo campionato, corre anche nel CEV Moto3 (tre podi per lui) e disputa l’ultimo GP finale nella categoria minore del Motomondiale. In questa occasione scrive la storia, ottenendo un inaspettato e strepitoso successo sotto la pioggia.

“Ho una grande occasione” ha dichiarato Can Öncü. “Ringrazio il mio manager, Manuel Puccetti, la Federazione turca e Red Bull, che hanno contribuito a questo progetto. Non vedo l’ora di conoscere la mia squadra e soprattutto la mia moto, visto che non ho mai guidato una 600. Sarà una nuova esperienza per me, ma sono molto fiducioso, visto che possono contare sull’aiuto e l’esperienza di Sofuoğlu, Puccetti e la mia squadra. L’obiettivo è diventare il più giovane a vincere il titolo Supersport. Userò questa prima stagione per imparare, prima di lottare davvero per il campionato l’anno dopo.” 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Sandro Cortese

Superbike: Sandro Cortese a piedi “Magari vado in Endurance”

Superbike, Toprak

Superbike: Yamaha 2020 solo per Toprak e van der Mark

tony arbolino mugello 2019

Tony Arbolino, la vittoria al Mugello diventa un tatuaggio