Alvaro Bautista

La super Honda per Alvaro Bautista

Hrc sta preparando un super team per lo spagnolo ormai ex Ducati. E' stata una strana trattativa: pilota e azienda hanno fatto di tutto per...non accordarsi

12 agosto 2019 - 8:40

Alvaro Bautista ha sbattuto la porta in Ducati per diventare l’uomo di punta Honda nel Mondiale Superbike 2020. Anche se i giapponesi continuano a mantenere bocche cucite, è sempre più evidente che la marca di Tokyo tornerà a schierare un team interno, diretta emanazione HRC, mentre Moriwaki diventerà la formazione satellite. L’erede della CBR-RR Fireblade avrà il motore quattro cilindri in linea, come l’attuale modello.

UN SUPER TEAM PER HONDA HRC

Ad affiancare Alvaro Bautista potrebbe essere Takumi Takahashi, leader del programma Honda HRC nell’All Japan Superbike nonchè pilota di punta alla recente 8 Ore di Suzuka. E’ una formazione ben assortita: Bautista è un pilota di levatura MotoGP, Takahashi conosce alla perfezione il metodo di lavoro HRC e ha l’esperienza specifica che servirà per sviluppare la nuova moto. Che, per inciso, sta ovviamente girando da tempo in Giappone, con le gomme Pirelli monofornitore del Mondiale, invece che con le Bridgestone che HRC monta in Giappone, e anche alla 8 Ore.

DUCATI AL RIBASSO

Accettando la sfida Honda, con una moto e un team nuovi, Alvaro Bautista ripartirà da zero. Sul profilo economico però lo spagnolo ha già vinto, visto che prenderà più del doppio di quanto gli avrebbe offertto la Ducati. Cioè un biennale da  400 mila € a stagione, poco più di quanto Alvaro ha incassato in questo 2019. Avesse firmato, il vincitore di 14 gare in nove round Mondiali avrebbe comunque percepito meno del compagno Chaz Davies, che lo scorso anno aveva rinnovato per due anni (scadenza fine 2020) ad una cifra oscillante (a seconda delle fonti) fra 500 e 700 mila €. La Ducati quindi sapeva che Bautista non avrebbe mai potuto accettare condizioni simili.  La trattativa quindi è stata portata avanti da entrambe le parti come se l’intento comune fosse quello di non accordarsi…

1 commento

carloreghi_2831484
21:28, 10 agosto 2019

Dispiace che un pilota “sconosciuto” in SBK via arrivato a certi alti livelli ed a un certo punto sia “sparito”, cadendo ripetutamente…. Forse ha incominciato a cadere per aiutare qualcuno ??? Mi dispiace ma da Ipotetico idolo DUCATI, mi è diventato indifferente !!!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Honda HRC

Superbike 2020: Honda HRC, ma siamo sicuri che ci sarà?

Eugene Laverty, BMW

Superbike 2020: Eugene Laverty in BMW, che coppia con Tom Sykes!

Team Pedercini, TPR, Superbike

Superbike 2020: Team Pedercini raddoppia e punta in alto