Marco Melandri 33

Marco Melandri, l’addio: “Il mio viaggio da corsa finisce qui”

Sabato l'ex iridato chiuderà in Qatar una carriera bellissima. Il saluto ai lettori e tifosi di un pilota protagonista da oltre vent'anni

22 ottobre 2019 - 18:20

Come tutti i balli, deve pur arrivare anche l’ultimo della serata. Visto il finale di stagione non é difficile dire che sarà un lento… Finire in Qatar per certi aspetti é molto bello, la gara notturna rende l’atmosfera surreale. D’altra parte un pò triste, niente pubblico e persone care al proprio fianco. Questo aiuterà a rendere le cose meno complicate.

QUELLO DI ADESSO NON SONO IO

Ho un mix di emozioni dentro di me decisamente contrastanti, ma la maggiore é la delusione per la stagione, mai una volta a mio agio per potermi esprimere al meglio. Nel 2011 trovai una Yamaha R1 con il miglior avantreno di tutte le SBK che ho guidato, potevo fare tutto ciò che volevo. Questa purtroppo per il mio stile di guida e taglia fisica é stata diametralmente opposta, mai un briciolo di confidenza. Non avrei mai pensato di chiudere la carriera così, anche perchè quello di ora non sono io, nemmeno negli incubi peggiori avrei mai pensato di poter andare così piano.

PENSAVO DI CORRERE TUTTA LA VITA

Quindi in un certo senso sono felice che si chiuda questo capitolo che fino poco pensavo sarebbe stato aperto per tutta la mia vita.  Non immaginavo una vita senza gare di moto ad alto livello. Vorrei solo una chance, anche di un solo giorno, per provare a me stesso che chiudo il libro con la consapevolezza di saper ancora guidare un moto da corsa. Perchè cosi continuo a sentirmi malinconico, non perchè smetterò, ma  perché non mi diverto a guidare  così lontano dal mio limite. Non sento l’adrenalina e tutti quei miliardi di sentimenti che mi hanno fatto innamorare e amare questa vita e questo mondo. Lo devo a me stesso un finale diverso, perchè solo io so cosa ho vissuto, passato e lavorato sodo in questi anni.

NON HO PAURA 

Avendo avuto nel 2016 un assaggio di addio credo che sarò preparato. Non ho paura e per fortuna ho una vita piena di passioni e amore anche fuori dalle corse. Porterò avanti un progetto di corsi in pista un pò fuori dagli schemi, metterò in moto e con il ginocchio in terra anche chi non lo avrebbe mai pensato. L’ unica certezza che ho è un futuro nell’elettrico, poi chissà se sarà su una moto, su un auto o su una bici. Seguitemi sui social e lo scopriremo perchè io stesso sono curioso di saperlo.

RINGRAZIO TUTTI VOI

Non mi resta che ringraziare tutti voi, lettori, fans, non fans, collaboratori, amici e chi più ne ha più ne metta. Per avermi accompagnato in questo fantastico viaggio nel quale mi  sono trovato dentro senza rendermene conto…

Un abbraccio!!! MM33

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Melandri, il ritiro

Melandri, il ritiro: la lettera di Manuela “Amore, apriremo nuovi capitoli”

Marco Melandri

Marco Melandri, l’inviato: “Vorrei chiudere con una gara come dico io”

Marco Melandri

Superbike: Marco Melandri “Torno dalle gare sempre infelice”