MotoGP: Casey Stoner andrà a fare il collaudatore per la Honda?

Dopo Jorge Lorenzo la marca italiana rischia di consegnare alla HRC anche lo "special tester"

13 settembre 2018 - 11:52

Casey Stoner sembra in procinto di lasciare il ruolo di collaudatore in Ducati, ne abbiamo già parlato qui. Ma adesso spunta anche l’ipotesi che lo “special tester” possa seguire Jorge Lorenzo in Honda HRC. Con Marc Marquez e Jorge Lorenzo in pista e Casey Stoner ad occuparsi dell’oscuro ma decisivo lavoro di sviluppo, la squadra campione del Mondo in carica calerebbe un tris da far tremare i polsi. Insieme Marc, Jorge e Casey vantano già 13 titoli Mondiali, 9 dei quali conquistati in top class. E un altro è in arrivo…

RISCHIO – Ad anticipare questa ipotesi è l’on line francese Paddock-GP che cita l’attuale team manager Honda HRC Alberto Puig che a Misano ha detto: “Gestire tre campionissimi del calibro di Marquez, Lorenzo e Stoner? Per me è la situazione ideale…” Il direttore sportivo Ducati Corse, Paolo Ciabatti, citato dallo stesso sito però getta acqua sul fuoco. “Come ho spiegato qualche mese fa, al momento la palla è nel campo di Casey. Avevamo concordato di rivederci a settembre, ed è quello che faremo. Se dovesse lasciarci non penso che tornerà alla Honda.

PRECEDENTI – Stoner con la Honda ha vinto il Mondiale 2011, prima di ritirarsi a fine 2012. I rapporti con la HRC erano andati in frantumi a luglio 2015, quando Casey, rientrato in pista dopo tre anni di stop alla 8 ore di Suzuka evento chiave del Mondiale Endurance, restò vittima di un pauroso incidente causato dal bloccaggio dell’acceleratore (qui il video). Nel violentissimo impatto si procurò lesioni alla spalla destra per cui si è dovuto operare di nuovo a febbraio scorso, Casey rivelò pubblicamente il motivo dell’incidente, mettendo in notevole imbarazzo il vertice HRC. Sembra difficile che una ferita del genere possa rimarginarsi, ma mai dire mai…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike Phillip Island, warm up: Rea prepara la battaglia

Test MotoGP: Honda sbaglia il set-up, promosso il motore

Superbike: Debutta la gara sprint, la guida completa