Moto3 Assen, Prove 2: Canet chiude al comando, cade Martin

Aron Canet il migliore del venerdì davanti a Gabriel Rodrigo e John McPhee. 5° Bulega seguito da Bezzecchi, caduta per Martin, evacuato in barella.

29 giugno 2018 - 12:02

Il più veloce in questa prima giornata di prove libere è Aron Canet, che proprio alla fine della seconda sessione riesce a portarsi in testa con il miglior crono assoluto di giornata. In seconda piazza c’è Gabriel Rodrigo davanti a John McPhee, in top ten anche Nicolò Bulega (quinto), Marco Bezzecchi (sesto) e Fabio Di Giannantonio (nono), mentre Jorge Martin è protagonista di una violenta caduta ed in seguito verrà trasportato al Centro Medico: verrà in seguito dichiarato idoneo con continuare il fine settimana.

Si comincia con il pilota di Fausto Gresini nuovamente in testa nei primi minuti, ma presto Canet e Bezzecchi cominciano a insidiarlo, finché l’italiano non si porta provvisoriamente davanti a tutti, pur non avvicinando il tempo del mattino dello spagnolo. La situazione rimane così a lungo, con i piloti dietro al leader iridato che si contendono le altre posizioni, compresi anche gli italiani Di Giannantonio e Dalla Porta risaliti in top 5.

Negli ultimi minuti però si verificano cambi importanti in classifica, ma abbiamo anche Martin protagonista di un violento highside alla curva 4: apparso particolarmente dolorante, il pilota Del Conca viene portato via in barella. In testa chiude Aron Canet, a precedere Gabriel Rodrigo e John McPhee, con Phillip Oettl quarto davanti a Nicolò Bulega (risalito all’ultimo) e Marco Bezzecchi.

Jakub Kornfeil conclude appena dietro al compagno di squadra, mentre chiudono la top ten Kaito Toba, Fabio Di Giannantonio e Jorge Martin. Così gli altri piloti italiani: Lorenzo Dalla Porta è 11°, Niccolò Antonelli è 13°, Enea Bastianini è 17°, Tony Arbolino è 19°, Andrea Migno è 21°, Dennis Foggia è 28° davanti a Stefano Nepa.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Meregalli: “Non abbiamo niente da perdere, attaccheremo sempre”

MotoGP, Johann Zarco: “Problemi con KTM? Non sono ingegnere”

Dani Pedrosa: “Lorenzo deve prendere più confidenza con la moto”