Moto2: ad Assen Elias e Tomizawa cercano il riscatto

Pronti dopo la prestazione sottotono di Silverstone

23 giugno 2010 - 1:38

Da Losail Toni Elias e Shoya Tomizawa sono sempre nelle prime due posizioni di campionato della Moto2, riuscendo a resistere nonostante l’arrivo nelle posizioni di vertice di nuovi avversari. Per entrambi Silverstone ha comunque rappresentato una battuta d’arresto importante: solo sesto il pilota giapponese, decimo il capoclassifica di campionato dopo aver navigato sempre nelle posizioni di metà classifica per tutto il weekend.

Toni Elias legittimamente spera di lasciarsi alle spalle questo evento sfortunato con una prova d’orgoglio ad Assen, al fine di confermare la propria leadership. “A partire da Assen dobbiamo ritrovare noi stessi e cercare di capire cosa c’è che non funzione e cosa c’è che non mi permette di essere più competitivo come ad inizio stagione. Faccio fatica a trovare la confidenza con la moto e dobbiamo lavorare per tornare ad essere protagonisti. Ho piena fiducia nel Team e sono sicuro che ci riusciremo. Siamo abituati ad affrontare le difficoltà ed anche questa volta troveremo il modo di farlo.

Assen è un circuito che mi piace dove l’anno scorso ho fatto una bellissima gara e quest’anno voglio riscattare il pessimo risultato di Silverstone. Sono ancora in testa al campionato è sicuramente importante ma il mio primo obiettivo adesso è quello di tornare a vincere”.

Dopo Silverstone Shoya Tomizawa segue Toni Elias a 15 punti di distacco, ritrovandosi ad Assen in un circuito scoperto nel 2009.

Assen è un tracciato che mi piace, per me lo scorso anno è stata la prima volta e ho capito che è un circuito difficile da imparare. Dovrò cercare di fare il possibile nel weekend, restare calmo, fare più giri possibili e non cadere. Nel volo di sabato mattina a Silverstone ho capito come una caduta può complicare il fine settimana visto che abbiamo una sola moto a disposizione: la squadra ha dovuto sostituire il telaio ed il forcellone in poco tempo, e nelle qualifiche abbiamo avuto un problema ai freni che mi ha causato una nuova scivolata. Non devo sbagliare più“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, ufficiale: Andrea Dovizioso dice addio a Ducati

lowes moto2

Moto2, Austria: ancora Lowes nelle FP3, in 23 in un secondo!

MotoGP, Alberto Puig

MotoGP, Ducati-Dovizioso verso l’addio. Puig chiude le porte a Yamaha