ARRC: Honda Asia si prepara per il debutto nell’ASB1000

Honda Asia Dream Racing correrà nella classe ASB1000 Superbike dell'ARRC: Zaqhwan Zaidi, oggi infortunato, il pilota scelto per questo impegno con una Fireblade.

4 febbraio 2019 - 12:57

Tra le prime squadre a formalizzare il proprio impegno nell’inedita classe ASB1000 (Superbike) dell’Asia Road Racing Championship, il team Honda Asia Dream Racing senza soste si sta preparando all’esordio nella nuova top class del motociclismo asiatico. Finanziata da Honda Group of Companies in Asia & Oceania, la squadra potrà avvalersi dell’ex MotoGP Makoto Tamada in qualità di Team Manager. Un incarico svolto già da “Tamayan” con successo al seguito di Honda Asia nelle ultime edizioni della 8 ore di Suzuka.

Per questo debutto Honda Asia Dream Racing affiderà l’unica CBR 1000RR Fireblade SP2 a Zaqhwan Zaidi, per 7 stagioni (con le sole parentesi tra Moto2 e All Japan) portacolori di MuSASHi Boon Siew Honda Malaysia nella SuperSports 600cc. Un pilota ampiamente determinato a condurre la squadra ai vertici dell’ASB1000 e, con ogni probabilità, punta di diamanta dell’equipaggio Honda Asia per la 8 ore di Suzuka del 28 luglio prossimo.

Complice un infortunio (con due operazioni al seguito) al polso destro, il Campione 2014 e 2016 dell’A.R.R.C. SuperSports 600cc non ha potuto per il momento testare la Fireblade nei test effettuati tra dicembre e gennaio al Chang International Circuit di Buriram. Al suo posto lo ha sostituto un pilota da anni nei piani Honda come Andi Farid Izdihar.

L’indonesiano, dai trascorsi nel CEV Moto2 edin evidenza lo scorso anno tra le 600cc sempre in sella ad una Honda CBR 600RR, ha preso parte ad una nuova sessione di Test in Thailandia nei giorni scorsi. Per Zaidi l’atteso debutto in sella alla Fireblade di Honda Asia Dream Racing è previsto per i test ufficiali del prossimo mese di marzo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: Ten Kate-Yamaha? “Non li abbiamo più sentiti”

Superbike: Markus Schramm “BMW, è un ritorno fantastico”

MotoGP, Maverick Vinales: “Quanto hanno migliorato Honda e Ducati?”