ASBK: quinta tappa 2010 questo fine settimana a Phillip Island

Si corre insieme al V8 Supercars

8 settembre 2010 - 6:39

Archiviata la tappa al Queensland Raceway, il circus dell’Australian Superbike si prepara per correre questo fine settimana a Phillip Island, circuito già conosciuto da squadre e piloti lo scorso mese di febbraio per la concomitanza con il mondiale di categoria. Questa volta insieme all’ASBK ci sarà il V8 Supercars, massimo campionato motoristico australiano che aprirà le porte ai campionati targati IEG, nello specifico Superbike (più Superstock A & B) e Supersport. Sarà un evento importante per la categoria grazie alla vetrina offerta dal V8 Supercars, tanto da guadagnarsi la diretta televisiva su Channel 7, segno che il lavoro del promoter International Entertainment Group sta dando i frutti di quanto seminato nell’ultimo biennio, da quando è stata rilevata la gestione dell’ASBK in una situazione a dir poco… drammatica.

Parlando della situazione in classifica, con le quattro vittorie nelle ultime quattro gare Bryan Staring ha spiccato il volo dando vita ad una “mini-fuga”: 166 punti contro i 147.5 di Wayne Maxwell. Un buon margine per il Campione australiano Supersport in carica schierato dal team ufficiale Cougar Bourbon Honda, pronto a dare il massimo per confermare la leadership e proporsi per una sella “importante” in Europa dopo la positiva esperienza nel British Superstock 1000 con HM Plant Honda (4° assoluto a Brands Hatch). All’inseguimento di Staring ci sarà Wayne Maxwell, Honda del G.A.S. Racing, dominatore proprio a Phillip Island del primo evento stagionale. Il pilota del New South Wales su questo tracciato è sempre stato imprendibile, fatta eccezione per l’ultimo round del 2009 quando una caduta la primo giro di Gara 1 gli precluse la possibilità di conquistare il titolo…

Sarà l’occasione per rifarsi, si spera anche per lo sfortunatissimo Josh Waters che ha interrotto bruscamente il proprio… sogno americano. Chiamato da Yoshimura Suzuki per correre nell’American Superbike al posto di Blake Young, il campione ASBK 2009 è caduto rovinosamente in un test a Willow Springs rimediando un brutto colpo alla testa e varie contusioni che non gli hanno consentito di correre al rientro in Australia a Queensland. Purtroppo per il forte Josh la classifica si è complicata parecchio, con ben 51 punti di svantaggio rispetto a Staring. Sperando di rivedere Waters in pista, di sicuro non mancheranno Glenn Allerton (campione 2008, Honda Valvoline ESG), Jamie Stauffer (campione 2006-2007, Ducati Motologic), Swan Giles (Suzuki Australia) e Scott Charlton migliore tra i piloti privati. Sono attese novità anche per la KTM con Shannon Johnson che ha addirittura la possibilità di correre, da wild card, il GP d’Australia nella classe Moto2.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoAmerica

MotoAmerica Road Atlanta: sempre Beaubier, brutto crash di Lewis

MotoAmerica

MotoAmerica Road Atlanta: Beaubier domina Gara 1

biesiekirski moto2

Moto2, ‘esordio’ alternativo per Biesiekirski: test a Barcellona con SAG Team