AMA Superbike NOLA Gara 2: 16° centro di Josh Hayes

Ben Bostrom chiude 2°, la EBR con Eslick sul podio

8 ottobre 2012 - 0:39

L’ennesima perla di una stagione formidabile. Josh Hayes, laureatosi per il terzo anno consecutivo Campione AMA/American Superbike con un round d’anticipo, nell’atto conclusivo della stagione 2012 al NOLA Motorsports Park di New Orleans ha concretizzato l’ennesima doppietta, sufficiente per portare a 16 il numero delle affermazioni 2012 su 20 gare disputate. Secondo nella graduatoria “All Time” della categoria con 33 vittorie all’attivo (ha raggiunto e superato una leggenda come Miguel Duhamel, fermo a quota 32), il “Mississippi Madman” ha viaggiato indisturbato verso l’ennesimo dominio in una gara che ha visto l’uscita di scena di due attesi protagonisti quali Blake Young (Yoshimura Suzuki) e Roger Hayden (Jordan Suzuki), con quest’ordine (e staccatissimi) alle spalle di Hayes in campionato.

Senza avversari, Hayes non ha avuto problemi nell’aggiudicarsi l’ennesima vittoria di un 2012 oggettivamente irripetibile, il tutto a 38 anni e con la certezza di rivederlo al via anche l’anno prossimo sempre con una Yamaha YZF R1 preparata dal Graves Motorsports, formazione di riferimento Yamaha Motor Corporation U.S.A. nell’ambito dei campionati AMA Pro Road Racing.

Con Young ed Hayden fuori gioco e Josh Herrin assente per infortunio, è salito sul podio in Gara 2 con un buon secondo posto Ben Bostrom, il quarto stagionale, il quinto in questo problematico biennio da pilota del Michael Jordan Motorsport in sella alla Suzuki GSX-R 1000 #23. “BB” è stato autore di una gara esente da errori che gli ha consentito di salire al sesto posto nella classifica di campionato a soli 6 punti da Geoff May, KO lasciando il testimone di miglior pilota dell’Erik Buell Racing con la EBR 1190RS ufficiale al bi-Campione Daytona SportBike (2009-2011) Danny Eslick, terzo e nuovamente sul podio in questa sua stagione d’esordio tra le Superbike.

Con soli 11 piloti sul traguardo si riconferma ad alti livelli dopo il podio sfiorato nella prima manche la KTM RC8R ufficiale dell’HMC Racing affidata a Chris Fillmore, quinto e preceduto da un veterano come Aaron Yates, quarto alla sua seconda apparizione stagionale (terza contando la wild card in MotoGP con la GPTech CRT ad Indianapolis) con la BMW S1000RR dell’Evan Steel Performance dopo due anni di stop per infortunio. Con questi verdetti per l’AMA Superbike l’appuntamento è ora fissato per il marzo 2013 con la Daytona Bike Week e tante novità regolamentari (elettronica contigentata su tutte) studiate per vivacizzare lo spettacolo: Josh Hayes permettendo…

AMA Pro National Guard SuperBike 2012
NOLA Motorsports Park, Classifica Gara 2

01- Josh Hayes – Monster Energy Graves Yamaha – Yamaha YZF R1 – 18 giri in 30’19.313
02- Ben Bostrom – Jordan Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 9.194
03- Danny Eslick – Team Hero – EBR 1190RS – + 13.466
04- Aaron Yates – Evan Steel Performance – BMW S1000RR – + 25.978
05- Chris Fillmore – KTM/HMC Racing – KTM RC8R – + 30.158
06- Chris Ulrich – M4 Roadracingworld.com Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 36.276
07- Robertino Pietri – Team Venezuela – Suzuki GSX-R 1000 – + 40.536
08- David Anthony – Kneedraggers.com Motul FLY Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 40.546
09- Steve Rapp – Attack Performance – Kawasaki ZX-10R – + 47.242
10- Jordan Burgess – Kneedraggers.com Motul FLY Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’16.406
11- Brandt Dillon – 212Decals.com – BMW S1000RR – a 1 giro

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Europeo Mini Road Racing 2019, Assen

Assen: Europeo Mini Road Racing 2019 Pokerissimo Italia

british talent cup

British Talent Cup: Il titolo 2019 si decide a Silverstone

All Japan Superbike

All Japan Superbike Motegi: Nakasuga torna alla vittoria