Valentino Rossi

Valentino Rossi, meglio l’addio o un team satellite?

Valentino Rossi davvero è disposto ad accettare il team satellite pur di proseguire l'avventura MotoGP? Pazza idea o interpretazione mediatica errata?

5 gennaio 2020 - 11:12

Valentino Rossi in Yamaha Petronas SRT, la notizia rimbalza sul web all’impazzata. Una possibilità reale? Di certo il Dottore non si è detto chiaramente disponibile al passaggio nella squadra satellite. All’età di 41 anni (a febbraio), dopo una carriera ultraventennale e nove titoli iridati, che senso avrebbe prolungare l’avventura in MotoGP ad ogni costo? Sarebbe un’opzione ben accetta da tutti i tifosi? O meglio chiudere qui una storia leggendaria?

Interrogativi su cui si farà luce solo dopo i test invernali in Malesia e Qatar, se non dopo alcune gare. Il dato certo è che se Valentino Rossi riuscirà a mettersi alla pari di Vinales e Quartararo non esiterà a firmare il rinnovo. Viceversa, meglio iniziare un nuovo capitolo nell’endurance a quattro ruote. L’opzione Petronas, con tutto il rispetto per un team dai progetti ambiziosi, non renderebbe onore al campione di Tavullia. Ammesso che l’interpretazione data da molti mass media sia davvero corretta. Una frangia di tifosi, forse i meno affezionati, avrebbe gradito un suo ritiro già anni fa. Gli irriducibili, invece, davvero accetterebbero di vederlo in un team satellite pur di continuare a correre sulle due ruote?

L’ipotesi più plausibile è che Valentino Rossi possa davvero continuare in MotoGP, ma con la Yamaha factory. Comincerà a parlarne con Lin Jarvis già a febbraio, sonderà i movimenti di mercato in fermento. A cominciare da un titubante Maverick Vinales, che sembra orientato a cambiare livrea e passare in Ducati a suon di quattrini. Moto aggressiva, motore potente, da tre anni sul secondo gradino finale con Dovizioso. A quel punto tutto si incastrerebbe alla perfezione, con Fabio Quartararo e il pesarese compagni di squadra nel 2021. L’astro nascente e il veterano insieme, un’opzione che fa gola ai vertici di Iwata che puntano a tornare sul tetto del Motomondiale quanto prima. Seconda opzione, Quartararo e Vinales insieme e il Dottore che dirà addio alla MotoGP. Ma l’idea Petronas sembra davvero poco coinvolgente…

1 commento

gianni.sossa_7808105
16:51, 5 gennaio 2020

Preferirei Quartararo in Ducati e Rossi con Vinales in Yamaha…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Cal Crutchlow

MotoGP, Cal Crutchlow verso l’addio: “Non corro per lo stipendio”

Valentino Rossi pilota Yamaha

Valentino Rossi perde in Tribunale: condannato a risarcire gli ex custodi

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP: ecco come urla il motore Aprilia 2020