mercado sbk box18

Tati Mercado a Box18: “Con Motocorsa tanta passione e motivazione”

Tati Mercado a Box18, il live Facebook di Corsedimoto. La vita in Italia, gli inizi, il progetto con Motocorsa, i test a Misano... E molto altro. L'intervista integrale.

15 giugno 2020 - 19:52

In questo 2020 Tati Mercado è tornato a fare parte della famiglia Ducati. Il giovane pilota argentino, da tempo ormai residente in Italia, ha scelto di abbracciare in particolare il progetto del team Motocorsa, all’esordio nel Mondiale Superbike. Una scelta dettata, da ambo le parti, da passione e motivazione, unite alla voglia di fare bene. E non chiamatelo Leandro, perché non si gira nemmeno! Ecco un estratto dell’intervista a Box18, live Facebook condotto da Fabio Nonnato.

“Sono arrivato in Italia nel 2010” ha raccontato Tati Mercado. “Da 5 anni ho la residenza ad Imola. Si sta bene in Romagna, mi sento come a casa. Oltre ad essere un punto strategico per quanto riguarda gli allenamenti, ci sono tante piste di motocross, e per il mio lavoro, visto che è vicino all’aeroporto.” Com’è nata la sua passione per le due ruote? “Sono nato in questo mondo, è di famiglia, soprattutto per mio padre. A tre anni mi hanno regalato una piccola moto e giravo continuamente in cortile. A sei anni ho cominciato a disputare le prime gare.”

L’exploit è arrivato nel 2014, anno in cui è diventato campione Superstock 1000 FIM Cup con Ducati. “Una stagione importante, in cui ho imparato davvero tanto. È stato bello portare un titolo a Ducati ed al mio paese.” Quest’anno, come detto, il ritorno nella ‘famiglia’ di Borgo Panigale dopo aver corso con altri marchi. “Abbiamo ricordi bellissimi insieme. Il team Motocorsa è piccolo, ma c’è tanta passione e motivazione in questo progetto: si è creato da subito un bel gruppo. Stiamo lavorando molto ed abbiamo il potenziale per fare bene.”

Differenze tra V2 e V4? “Appena sono salito in sella le sensazioni erano simili. Man mano che accumulavo chilometri però ho capito che era una moto totalmente diversa. Si adatta abbastanza al mio stile di guida, ma adesso abbiamo bisogno di girare tanto.” Come nell’ultimo test a Misano. “Abbiamo realizzato 90 giri in un giorno! Torneremo di nuovo in azione il 24-25 giugno: ogni volta che scendo in pista imparo qualcosa di nuovo.” Obiettivi 2020? “Crescere, dare sempre il massimo e cercare di realizzare delle belle gare.”

Ma dietro c’è un racconto ben più approfondito sugli inizi sulle due ruote, sul nuovo asfalto di Misano, più qualche dettaglio tecnico sulla moto. Non mancano opinioni sulla ripartenza di stagione “al caldo”, e molto altro. Qui sotto potete risentire l’intervista integrale a Tati Mercado.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea nel 2021 avrà una Kawasaki nuova o solo aggiornata?

MotoGP Fabio Quartararo

MotoGP, GP Catalogna: Chi l’ha detto che bisogna prendersi troppo sul serio?

Superbike, Max Biaggi

Superbike, Max Biaggi intramontabile Arriva con il furgone e in pista si scatena