Rossi tradito e infuriato ma la pista non mente mai

18 ottobre 2015 - 6:46

Ma dove vai se la gomma giusta non ce l'hai? Lo sa bene Jorge Lorenzo, che senza la soluzione preferita aveva preso una legnata colossale in Olanda, solo terzo a ben sedici secondi da Valentino Rossi. Stavolta è stato il leader del Mondiale a soffrire  le Bridgestone troppo dure per il suo stile. Su un tracciato terribile per l'integrità delle gomme il fornitore giapponese è andato sul sicuro. Troppo, per Valentino. Phillip Island ha rimescolato le carte della MotoGP con una sfida meravigliosa tra quattro fuoriclasse pazzeschi. Ma non dimenticate che dietro il talento c'è sempre la tecnica. Nessuno vince se moto, assetti e aderenza non sono accordati alla perfezione. Da primo a quarto è questione di dettagli. Invisibili, eppure decisivi.

C'E' SPORT PIU' BELLO?– Lorenzo aveva già vinto ma Marquez è un mago, il suo folle giro finale è stato un regalo per Rossi e ha riportato alla mente il trionfo di Wayne Gardner nel '90, con la carenatura della Honda 500 NSR a brandelli dopo mille sportellate con Mick Doohan e Wayne Rainey. Nomi leggendari scolpiti nella storia, i ragazzi di oggi forse non hanno lo stesso  fascino romantico ma quanto vanno forte! Sulla pista più amica Rossi era partito con l'idea di vincere e chiudere la partita con Lorenzo. Ma in una gara sul filo del rasoio gli è mancato un pizzico di aderenza in più per provare a battere l'inseguitore e tenere testa al formidabile motore Ducati ben sfruttato da Andrea Iannone in crescita esponenziale. La Yamaha #46 sembrava più lenta in rettilineo della gemella di Jorge, ma non era questione di potenza, piuttosto di velocità di percorrenza dell'interminabile curvone finale: se  la gomma scivola non puoi uscire forte e  paghi sul dritto. A Phillip Island funziona cosi.

LA PISTA NON MENTE – Nel giro finale i due pretendenti al titolo hanno perso il doppio duello con Marquez e Iannone. Chiaro che Lorenzo e Rossi non potessero prendere gli stessi rischi di avversari partiti senza la stessa, enorme pressione. Ma hanno ceduto perchè non avevano più gomma per resistere agli attacchi. Alla fine Valentino ci ha perfino guadagnato: secondo-quarto è stato meglio di un ipotetico primo-terzo, due punti in più potrebbero far comodo. In casa Rossi resta il rammarico per il podio sfumato: battere Iannone avrebbe limitato i danni e dato un senso completamente diverso alla sconfitta australiana.  Con soli undici punti di margine  Valentino in Malesia non potrà correre in difesa, dovrà battere Lorenzo per arrivare a Valencia con un vantaggio di sicurezza. Gomme soffici o dure, la pista non mente mai.

Seguitemi su Twitter: https://twitter.com/PaoloGozzi1

Pagina ufficiale Facebook:   https://www.facebook.com/insidesuperbike

4 commenti

akiraryo
12:10, 19 ottobre 2015

con 11 punti di vantaggio Rossi/Lorenzo e 50 ancora da assegnare
fanno due gare co se fosse la prima di campionato nessuno dei due si puo’
risparmiare ci guadagnamo noi spettatori
Grande Iannone gran gara che dire. tanto con i se e i ma non si va’ da nessuna parte ma un podio fa bene a lui e a Ducati…
certo che con quel motore se corressero a Monza……
avrebbe nel taschino 1 secondo al giro almeno sulle yamaha
e 1/2 sulle honda

akiraryo
5:10, 19 ottobre 2015

Ciao Paolo
si certo sono d’accordo la classe cristallina di Iannone non si discute
una volta era super sul giro secco ma spesso aveva problemi in gara
non possiamo sapere se per suoi demeriti o problemi di setting
comunque rovinava precocemente le gomme.. adesso ha fatto esperienza e probabilmente in Ducati lo gestiscono meglio…..
e a vedere in TV non sembra secondo a nessuno.

luis_mazza
2:10, 19 ottobre 2015

Salve Paolo.
Io sono uno di quelli dispiacuti per il podio sfuggito a Rossi ma penso il risultato sia quello giusto e una dimostrazione di sincerita e purezza che oggi giorno manche nello sport.
Ora al mio commento vero; penso iannone abbia sbaglito strategia, ha corso una grande gara ma stando nel gruppo di punta ha usato una strategia di quinto sesto-posto facendo tanti sorpassi e avendo un missile per moto penso era meglio stare dietro marquez o Rossi e quando stessero tutti attacati a lorenzo attacare come ha fatto e forse la vittoria o almeno il secondo posto lo prendeva. Forse a 300 all’ora non pensi a questo e ia deve ancora prendere la abitudine di stare con el gruppo davanti.
Saluti

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP 2022-2026: i 4 punti Dorna per il futuro

MotoGP, Marc Márquez: “Lorenzo soffre se deve improvvisare”

MotoGP, Jorge Lorenzo ‘go on’: sedile standard e nuovo ‘Aero-pack’