Red Bull Rookies Cup, Assen: Carlos Tatay si impone in Gara 1

Carlos Tatay conquista un nuovo successo in Gara 1 ad Assen. Completano il podio Pedro Acosta e Haruki Noguchi, 3° dopo una penalità per Uriarte.

29 giugno 2019 - 17:09

La prima ad Assen della Red Bull Rookies Cup si chiude con un nuovo trionfo di Carlos Tatay. Il poleman però non prende il largo, ma deve lottare con altro quattro battaglieri colleghi, riuscendo ad avere la meglio. Secondo podio consecutivo per Pedro Acosta, terzo Haruki Noguchi, che beneficia di una penalità per Marcos Uriarte. Cade all’ultimo Barry Baltus dopo aver tentato un sorpasso per la vittoria.

Ottimo lo scatto di Van Eerde, che si porta al comando davanti ad Acosta e Baltus, fa peggio il poleman Tatay che si ritrova quarto. Finisce dopo poche curve la gara del nostro portacolori Bertelle, così come quella di Hernández (caduto dopo un lungo sull’erba). Altro incidente poco dopo tra Escrig e Rougé, con il secondo che riparte, mentre cadono anche Dettwiler e van Eerde. Tatay nel frattempo torna al comando, ma non sembra in grado di prendere il largo, visto il buon numero di piloti dietro di lui. Ad una decina di giri dalla fine il gruppo di testa è ridotto a cinque piloti, quelli che si contenderanno le posizioni sul podio, mentre Cook è costretto al ritiro da un problema tecnico.

Arriva una Long Lap Penalty per Uriarte, parte del gruppetto di testa ma autore di un taglio tra le curve 16 e 17. Tenta un ultimo sorpasso Baltus, che però finisce a terra poco dopo, consegnando il successo a Carlos Tatay. Lo spagnolo vince ancora, precedendo Pedro Acosta e Marcos Uriarte. Quest’ultimo, non avendo scontato la penalità, riceve 3 secondi aggiuntivi e regala il terzo posto a Haruki Noguchi.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Marc Marquez e Valentino Rossi

MotoGP, Dovizioso: “Valentino ha più talento di Marquez”

Cal Crutchlow

Crutchlow: “Concordo con Lorenzo, ma voglio continuare con Honda”

motogp michelin

MotoGP, Motegi: Michelin, sfida su un tracciato ‘stop&go’